Il 2023 in dieci fatti

- di: Kevin Thozet, membro del Comitato Investimenti di Carmignac
 

1.      La crescita degli Stati Uniti ha registrato un rialzo sorprendente. Ci si aspettava che l'economia più grande del mondo si fermasse all'inizio del 2023. In realtà, anche quest'anno la crescita sarà superiore al suo potenziale, sfiorando il 2,5%.

2.      Tuttavia, la Cina ha registrato un andamento opposto. Le speranze di riapertura si sono rivelate di breve durata e l'economia ha subito una battuta d'arresto.

3.      La disinflazione è continuata. L'indice dei prezzi al consumo è passato da quasi il 10% nell'area dell'euro a meno del 2,5% negli ultimi 12 mesi. Tutte le componenti si sono mosse al ribasso, sebbene i servizi core non abbiano subito una decelerazione così rapida come le altre componenti.

4.      I tassi di interesse dei mercati sviluppati sono stati portati al livello più alto degli ultimi 23 anni e sono rimasti tali.

5.      I mercati del reddito fisso si sono destreggiati in un braccio di ferro tra timori di recessione, speranze (e timori) di ripresa e disinflazione. Per i bond sovrani abbiamo assistito a movimenti quotidiani (+2% in alcuni giorni) che non si vedevano dalla crisi finanziaria del 2007-2008.

6.      La volatilità azionaria e quella del reddito fisso sono divergenti.  La volatilità azionaria è tornata ai livelli pre-Covidi, mentre quella del reddito fisso è rimasta a livelli record - una tendenza tipica dell'avanzamento del ciclo escursionistico.

7.      I mercati azionari sviluppati hanno proseguito la propria crescita, raggiungendo i massimi storici. I mercati azionari statunitensi sono stati sostenuti in particolare dai cosiddetti “Magnifici Sette” e dai i titoli farmaceutici attivi nella cura contro l’obesità, che hanno registrato un rialzo del +100% (solo il Bitcoin ha registrato una performance migliore, con +160%!). Mentre i settori difensivi come le utilities, i beni di prima necessità e l'assistenza sanitaria (esclusi i produttori di farmaci per l'obesità) hanno registrato rendimenti quasi negativi, così come l'energia.

8.      La dispersione è stata il tema chiave dell'anno, sia per i mercati azionari che per quelli del credito. L'aumento del costo del capitale e il cambiamento radicale della narrativa nel corso dell'anno hanno tenuto i mercati in allerta. Si è trattato di un ambiente ideale per i selezionatori di azioni e obbligazioni, a condizione che si trovassero sul lato giusto della curva di dispersione.

9.      Il carry è stato il principale strumento di performance di quest'anno, giustamente. I mercati del credito investment grade e high yield in euro hanno reso rispettivamente il 7,5% e il 12% quest'anno. Con una volatilità molto limitata, questa classe d'investimento ha conquistato il primo posto in termini di rendimenti risk-adjusted.

10.   La correlazione tra titoli azionari e obbligazionari ha subito forti oscillazioni, passando dall'essere favorevolmente negativa, in seguito al crollo di alcune banche regionali statunitensi, all'essere positiva nel peggiore e nel migliore dei casi, chiudendo l’anno con un “everything rally”.

 

Notizie della stesso argomento
Trovati 73 record
Pagina
1
14/06/2024
Confcommercio: "Regna l'incertezza su investimenti e consumi"
14/06/2024
Arredamento, i primi 10 brand italiani in corsa: crescono i numeri previsionali 2024
14/06/2024
Trasferimento di rapporti bancari: accordo fra Isybank, Intesa Sanpaolo e Movimento Consum...
14/06/2024
CDP, Sace e Commissario Generale Expo insieme per promuovere la crescita delle imprese ita...
14/06/2024
Clerici acquisisce l'intero capitale di Mara
14/06/2024
DEA: presentata comunicazione di pre-ammissione per la quotazione su EGM
Trovati 73 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli