WEF, le 5 azioni necessarie per favorire la transizione energetica

- di: Barbara Bizzarri
 

Lo slancio verso la transizione energetica è rallentato, avverte il World Economic Forum, e il miglioramento del punteggio dell’indice globale di transizione energetica dal 2021 al 2024 è stato quasi quattro volte inferiore al miglioramento del periodo 2018-2021. L’indice di transizione energetica evidenzia quindi la difficoltà di raggiungere una transizione equilibrata tra sostenibilità, equità e sicurezza: soltanto 21 Paesi su 120 sono riusciti, nell’ultimo anno, a progredire in tutte e tre le categorie. Tuttavia, la performance in termini di sostenibilità è migliorata, a parte una maggiore adozione dell’energia eolica e solare, pur non riuscendo a tenere il passo nel percorso necessario per raggiungere lo zero netto entro il 2050.

In più, la sicurezza energetica è messa alla prova dalle crescenti tensioni geopolitiche. Gli investimenti nell’energia pulita hanno raggiunto il livello record di 1,8 trilioni di dollari nel 2023, ma rimangono a circa un terzo del livello richiesto fino al 2030 per centrare l’obiettivo dell’azzeramento delle emissioni nette. Dopo la pandemia, il panorama della transizione energetica ha subito forti oscillazioni nelle configurazioni economiche e geopolitiche, mettendo la sua crescita a dura prova. Il World Economic Forum, insieme ad Accenture, ha identificato cinque azioni che, insieme, possono far ritrovare lo slancio e garantire un ritmo sostenuto anche alla seconda metà del percorso:

1. Dare priorità alle normative che promuovono decarbonizzazione e efficienza

L’energia si è trasformata in un sistema connesso e le normative devono agire e bilanciare più di un singolo obiettivo, indirizzando allo stesso tempo lo slancio all’intero sistema. Ad esempio, l’ Inflation Reduction Act (IRA) degli Stati Uniti offre un credito d’imposta del 26% per gli investimenti nel solare nel quadro di un fondo complessivo di 369 miliardi di dollari per incentivi alla transizione. Allo stesso modo, il Regno Unito fornisce Contratti per Differenza (CfD) , offrendo stabilità dei prezzi a lungo termine per attrarre investimenti nelle energie rinnovabili. L’ International Business Council ha individuato una possibile riduzione del 31% dell’intensità energetica se si adottassero misure entro il 2030, compresa un’efficace regolamentazione a breve termine. Ad esempio, gli standard minimi di prestazione energetica (MEPS), adottati da UE, Stati Uniti e Canada, hanno portato a una riduzione del 20% del consumo energetico nel settore manifatturiero giapponese tra il 2000 e il 2012. I parametri di regolamentazione catturati nell’indice di transizione energetica rivelano un divario sostanziale tra le economie avanzate e il resto del mondo. I diversi Paesi devono dare priorità a politiche di nuova generazione che creino incentivi per investire in attività a basse emissioni di carbonio riducendo, al contempo, le emissioni.

2. Adottare il digitale e l’intelligenza artificiale per sbloccare la produttività e accelerare l’innovazione

Le tecnologie digitali sbloccano un valore sostanziale aumentando la produttività e migliorando l’efficienza. L’intelligenza artificiale generativa rappresenta un’opportunità di trasformazione e molte aziende e governi si stanno posizionando per reimmaginare il modo in cui la tecnologia rinnoverà l’intera catena del valore. Entro il 2030, Accenture stima che gli investimenti del settore nell’intelligenza artificiale generativa saranno più che triplicati, passando da circa 40 miliardi di dollari all’anno a oltre 140 miliardi di dollari. Garantire che l’intelligenza artificiale abbia un impatto netto positivo sulla transizione significa ottenere guadagni che superano di gran lunga la nuova domanda di energia creata dalla tecnologia.

3. Fornire equità energetica alle persone e alle famiglie vulnerabili

In definitiva, è la società nel suo complesso a dettare il ritmo della transizione energetica. Le reti di sicurezza sociale e le misure compensative, tra cui il sostegno mirato basato sul reddito, i trasferimenti di denaro e le iniziative temporanee sul reddito di base, possono ridurre o invertire la povertà energetica e, in definitiva, aumentare lo slancio per l’adozione di soluzioni energetiche pulite. Gli esempi di iniziative sociali hanno subito un’accelerazione, anche se partendo da un livello basso. Ad esempio, le Filippine hanno implementato il programma Lifeline Rate per fornire tariffe elettriche agevolate alle famiglie a basso reddito che consumano meno di 100 KWh al mese, mentre laFrancia ha destinato la maggior parte del suo sostegno alla ristrutturazione dell’efficienza energetica degli edifici a coloro con i redditi più bassi. L’India sta mirando a sostenere la mobilità elettrica verso i veicoli a due e tre ruote, per lo più posseduti da popolazioni a basso reddito.

4. Collegare l’offerta e la domanda di energia per anticipare gli investimenti futuri

Gli accordi commerciali sono fondamentali per l’approvazione degli investimenti, soprattutto per i grandi progetti di capitale e i programmi infrastrutturali, poiché garantiscono la certezza dei ricavi. Attualmente, i mercati dei prodotti verdi rimangono su scala ridotta, con alcuni, come l’idrogeno, che rappresentano solo l’1% della scala del settore esistente. La First Mover Coalition mira a promuovere le tecnologie climatiche emergenti cruciali necessarie per decarbonizzare i settori mondiali ad alte emissioni, con l’impegno di rappresentare una domanda annuale di 16 miliardi di dollari per le tecnologie emergenti entro il 2030. Esiste dunque la necessità di un’azione sia da parte del settore pubblico che di quello privato per stimolare gli investimenti riducendo i rischi: la certificazione e un reporting completo sulla sostenibilità garantiscono la trasparenza ma solo il 55% delle aziende sta migliorando le proprie capacità di dati sulla sostenibilità. Colmare il divario presentato dall’implementazione di standard di certificazione verde, come la politica CertifHy dell’UE , può standardizzare le soglie di emissione di idrogeno e differenziare i prodotti a idrogeno pulito (a basso contenuto di carbonio) dalla produzione esistente.

5. Adattare gli sforzi alle esigenze specifiche del Paese

Il raggiungimento di una transizione energetica di successo richiede sia la cooperazione globale, con impegni condivisi come quelli della COP28, che azioni individuali adattate alle condizioni iniziali, alla preparazione e alle priorità del settore. La divergenza più significativa nella performance del sistema tra le economie avanzate e i Paesi emergenti e in via di sviluppo risiede nelle disparità in termini di equità, in particolare in Asia e nell’Africa sub-sahariana. Il Medio Oriente, in particolare, è in ritardo negli sforzi di sostenibilità e può probabilmente accelerare la decarbonizzazione riequilibrando l’uso dei combustibili fossili e migliorando l’efficienza energetica. Lo slancio globale dipende dal coinvolgimento di tutti i Paesi, non solo delle nazioni avanzate. Il messaggio dell'Energy Transition Index di quest'anno è chiaro: la corsa è nel pieno del suo svolgimento e i decisori di tutto il mondo devono agire in modo collaborativo per accelerare la transizione verso un futuro energetico equo, sicuro e sostenibile.

Notizie della stesso argomento
Trovati 15 record
Pagina
1
15/07/2024
Gruppo NHOA, Sostenibilità guidata dalle Persone e destinata alle Persone
12/07/2024
Iren e European Energy, inaugurato maxi parco fotovoltaico a Tuscania
12/07/2024
ESW: sensibilità degli italiani al "green" paragonabile alla media globale
12/07/2024
No nucleare, l’appello per un “100% Rinnovabili network” promosso da Fondazione per lo Svi...
11/07/2024
Intesa Sanpaolo e Tper insieme per lo sviluppo della mobilità sostenibile
11/07/2024
Webuild, Suburban Rail Loop project nuovo progetto per rafforzare sistemi di mobilità sost...
Trovati 15 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli