Il Washington Post controcorrente, nuove redazioni e un numero record di giornalisti

- di: Emanuela M. Muratov
 
Il quotidiano americano Washington Post, entrato a buon diritto nella storia americana degli ultimi decenni, ha annunciato un aumento senza precedenti delle dimensioni della sua redazione che, con la creazione di strutture informative in Europa e in Asia, supererà le mille unità. Con questa espansione internazionale, il quotidiano, che nel 2013 è stato acquistato da Jeff Bezos, fondatore di Amazon, si distingue dal resto del panorama mediatico americano, pesantemente colpito dalla crisi economica. Una situazione che ha spinto la maggior parte dei media, nel tentativo di ridurre i costi, ad abbandonare il prodotto cartaceo a favore del web.

Il Washington Post, che nel 2018 si era dichiarato in attivo, senza però diffondere dati finanziari, prevede di creare centri editoriali a Londra e Seul per avere una copertura giornalistica più efficace 24 ore su 24. "The Post" - si legge in un comunicato - "intende fornire ai suoi lettori in tutto il mondo l'accesso a informazioni rapide e complete in qualsiasi momento della giornata, inclusa una copertura di notizie ricca e varia dall'alba in Nord America".
Il giornale spera di aumentare il numero di abbonati digitali e competere con il New York Times, che ha un team di almeno 1.700 giornalisti e presta particolare attenzione ai suoi lettori internazionali.

Il Washington Post aprirà anche nuovi uffici a Sydney, in Australia, e a Bogotà, in Colombia, portando a 26 il numero totale delle sue redazioni all'estero
. Attraverso questa operazione, la redazione del quotidiano conterà 1.010 giornalisti, un record dalla sua creazione nel 1877.
“I lettori trarranno vantaggio da un giornalismo arricchito, più approfondito, più veloce, diversificato e innovativo. Ciò indica un'immensa fiducia nel futuro del Post ”, ha affermato Marty Baron, direttore del giornale.

Negli Stati Uniti molte pubblicazioni locali e regionali sono in grande difficoltà. Nella prima metà del 2020, le redazioni statunitensi hanno tagliato più di 11.000 posti di lavoro, secondo l'azienda Challenger, Grey & Christmas. Quest'anno è quindi il peggiore per i media americani dalla crisi economica del 2008, quando furono annunciati 14.265 licenziamenti.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli