Stati Uniti: l'economia migliora, milioni di disoccupati perdono benefici

- di: Brian Green
 
Comincia a farsi oscuro, nel brevissimo periodo, l'orizzonte per milioni di americani che, dopo avere perso il lavoro a causa delle conseguenza del coronavirus sull'economia del Paese, sono riusciti a sopravvivere alla crisi grazie a finanziamenti e benefici erogati dallo Stato federale e dai singoli Stati.

Da oggi, infatti, in conseguenza del miglioramento dei dati macroeconomici, milioni di cittadini americani ufficialmente senza lavoro perderanno tutti i benefici extra di disoccupazione di cui avevano goduto dal manifestarsi delle pandemia e dalle conseguenti ripercussioni sul tessuto economico del Paese. Tutto questo mentre la situazione sanitaria degli Stati Uniti torna a farsi preoccupante a causa della variante Delta del coronavirus, considerata una seria minaccia alla ripresa economica.

Oxford Economics - leader nelle previsioni globali e nell'analisi quantitativa - stima che 8,9 milioni di persone, in tutti gli Stati Uniti, perderanno i benefici sino ad oggi goduti grazie a due programmi di aiuto alla disoccupazione.

Il primo riguarda i lavoratori autonomi e quelli a contratto; il secondo aiuta le persone che risultano disoccupate da più di sei mesi.
Altri due milioni e centomila persone sono destinate a perdere un sussidio federale di disoccupazione supplementare pari a 300 dollari a settimana, pur potendo continuare a ricevere i sussidi statali di disoccupazione.

I programmi di sostegno alle persone senza lavoro stanno finendo con l'aumento delle assunzioni (con un mercato del lavoro che peraltro lamenta la mancanza di manodopera immediatamente disponibile) e l'allentamento dei licenziamenti.
Il numero delle nuove domande di sussidio di disoccupazione è diminuito di 14.000 richieste la scorsa settimana, toccando quota 340.000, il livello più basso da quando la pandemia ha colpito nel marzo 2020.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli