Spirulina, broccoli, fave di cacao: MioDottore fa la lista della spesa healthy e sostenibile

- di: Barbara Bizzarri
 
MioDottore, parte del Gruppo DocPlanner e piattaforma leader nel mondo della sanità privata, tramite un sistema di prenotazione digitale automatizzato mette in contatto i pazienti con gli specialisti ed è pensata per rendere l’esperienza sanitaria più umana:  proprio in quest’ottica di benessere sostenibile ha lanciato, con la consulenza della dottoressa Gloria Agliata, una lista di cibi, detti superfood, la cui peculiarità è quella di rafforzare salute e difese immunitarie, semplicemente introducendoli nella dieta quotidiana. Innanzitutto yogurt, ricco di fermenti lattici, probiotici e prebiotici; crucifere, come cavoli e broccoli, dalle note proprietà antitumorali; alga spirulina, un tesoro dalle molteplici virtù e che, in particolare, aiuta a migliorare i livelli di colesterolo ematico; melagrana, pianta sacra agli dei, forse perché carica di antiossidanti, tanto da essere simbolo di eternità; fave di cacao, portatrici sane di flavonoidi; spinaci, perché gli eroi della nostra infanzia, in questo caso Braccio di Ferro, hanno sempre ragione e poi sono una fonte di vitamine, sali minerali e ferro; avocado, generoso di acidi grassi polinsaturi; quinoa, pseudocereale ad alto contenuto di proteine, vitamine e sali minerali; spezie, soprattutto gli antinfiammatori curcuma e zenzero e, per chiudere in bellezza, il fiore all’occhiello della dieta mediterranea, l’olio extravergine di oliva, prezioso fin dall’antichità.

La lista di cibi, detti superfood, la cui peculiarità è quella di rafforzare salute e difese immunitarie

Secondo la dottoressa del team MioDottore, l’equilibrio fra questi nutrienti costituisce il vero segreto di una alimentazione davvero sana e bilanciata: “Ciò che fa davvero la differenza non è il superfood in sé, ma l’alimentazione sana: sarebbe inutile mangiare saltuariamente dei super-alimenti se la dieta di tutti i giorni è sbilanciata. Inoltre, non bisogna confondere i superfood freschi da quelli in pillole, che contengono elevate concentrazioni della molecola bioattiva, la loro eventuale integrazione dovrà sempre essere supervisionata da un professionista.” Infine, è bene considerare la giusta quantità e frequenza nel consumo di tali prodotti. Spiega l’esperta: “La frutta, la verdura e l’olio extravergine di oliva andrebbero assunti quotidianamente, più volte al giorno. Sarebbe ideale consumare ogni giorno anche le spezie, soprattutto per ridurre i quantitativi di sale. Mentre l’avocado, lo yogurt e il cacao dovrebbero comparire nel menu un paio di volte a settimana e, per quanto riguarda la quinoa, meglio alternarla con altri cereali.”
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli