Sesa, un aiuto contro il caro bollette: bonus da 400 euro ai dipendenti

- di: Barbara Bizzarri
 
Un bonus di 400 euro a dipendente per fare fronte al caro energia. È la misura adottata da Sesa, operatore di riferimento nel settore dell’innovazione tecnologica e dei servizi informatici e digitali per il segmento business, con ricavi consolidati per circa 2,4 miliardi di euro e oltre 4.200 dipendenti, che ha deciso di riconoscere un contributo straordinario fino a 400 euro, a titolo di rimborso dei costi delle utenze domestiche sostenuti nell’anno 2022. Il contributo, specificatamente destinato ai dipendenti con livelli retributivi già oggetto di precedenti provvedimenti governativi in ambito economico e sociale, potrà essere richiesto a decorrere dal 1° novembre 2022 e fino al 10 dicembre 2022, attraverso l’inserimento dei relativi giustificativi nel Portale Welfare del Gruppo Sesa.

Sesa: bonus da 400 euro ai dipendenti

L’iniziativa ha l’obiettivo di costituire un efficace e tempestivo contributo per la gran parte delle risorse umane del Gruppo Sesa e le rispettive famiglie nell’attuale fase di incertezza dello scenario macroeconomico, a conferma della forte attenzione di Sesa per una generazione di valore equilibrata e durevole a beneficio di tutti gli stakeholder, con particolare riferimento ad ambiente, ecosistemi e persone. Il Gruppo Sesa ha implementato ed attuato un piano di welfare estremamente ampio, progressivamente rafforzato di anno in anno.

Il piano di welfare aziendale per l’anno in corso è stato annunciato nel giugno scorso, con programmi ed iniziative a supporto della genitorialità, della diversità e sostenibilità, del reddito e benessere dei dipendenti, e consta di un programma ampio e diversificato che prevede, fra i punti principali, attenzione al tema della diversità e genitorialità mediante il supporto alla natalità con sostegno economico in occasione della nascita di figli e contributi per servizi di baby-sitting, pedagogia, asilo nido e, nella sede di Empoli, accesso all’asilo nido aziendale; borse di studio per acquisto di libri scolastici, per la partecipazione a centri estivi dei figli dei lavoratori; contributi per acquisto di strumenti informatici dei figli dei lavoratori e sostegno economico per l’assistenza sanitaria e sociale di familiari con disabilità; focus sul benessere dei lavoratori, a cui sono destinati flexible benefits ad integrazione delle spese (alimentare, sport, benessere, cultura, shopping e servizi professionali alla genitorialità); sostegno alla mobilità abitativa; borse di studio per la partecipazione a corsi di laurea o master universitari. Senza dimenticare la sostenibilità ambientale per la quale è previsto supporto alla mobilità con l’utilizzo di mezzi di trasporto pubblico ed elettrico e programmi di e-car sharing; e il work-life balance: solidarietà e people caring per il benessere e la salute; programmi di microcredito aziendale per l’accesso a finanziamenti agevolati e uno sportello psicologico e di ascolto disponibile gratuitamente per i lavoratori.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli