Scienza: secondo una ricerca, le piante possono produrre energia "pulita"

 
Le piante possono essere una fonte di energia “pulita”. A questa conclusione sono giunti gli scienziati israeliani dell'Università di Tel Aviv che hanno annunciato di avere prodotto con successo, nel corso di studi che si sono protratti per molti anni, elettricità dalle piante.

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica britannica Energy and Environmental Science , si deve all'equipe del prof.Iftach Yacoby, direttore del laboratorio di energie rinnovabili della Facoltà di scienze della vita dell'Università di Tel Aviv, in collaborazione con il professore Kevin Redding, dell'Università dell'Arizona, negli Stati Uniti. Secondo il professor Yacoby, tutte le piante verdi - foglie, erbe o alghe - contengono “pannelli solari”, grazie ai quali trasformare un raggio di luce in una corrente di elettroni.

La sfida, ha detto Yacoby, era quella di estrarre questa corrente dalla pianta. “Per collegare un dispositivo all'elettricità, basta unirlo ad una presa di corrente. Nel caso di un impianto, non sapevamo dove collegarlo. Abbiamo cercato un nanoprocessore lavorando su una microalga , nella quale abbiamo iniettato con l'aiuto di un bioreattore un enzima che produce idrogeno”, ha detto ancora Yacoby, spiegando che la microalga ha sviluppato cellule contenenti il nuovo enzima ed i ricercatori hanno concluso che produceva una buona elettricità.

Yacoby, che ha 42 anni, ha affermato di essere convinto che questa potrebbe essere una nuova era in agricoltura che “dopo aver aiutato a nutrire le persone per millenni, sarà in grado di essere utilizzata per produrre energia”.

“Pensavamo
- ha detto ancora lo studioso - che ci fosse potenziale, ma non sapevamo se avrebbe funzionato, e ha funzionato. Ci sono molte cose che possiamo considerare di fare grazie ai risultati della nostra ricerca , in ultima analisi, riducendo l'inquinamento nel settore dei trasporti e dell'industria pesante”. Ma la svolta realmente verde dell'energia non è dietro l'angolo. Secondo lo scienziato israeliano, ci vorranno altri 10-20 anni per raggiungere questo obiettivo.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli