Migranti: il governo francese chiede al Regno Unito di assumersi le sue responsabilità

- di: Jean Aroche
 
Incontri, esclusioni e scambi di accuse stanno acuendo la crisi tra Regno Unito e Francia sul problema dei migranti che, diretti in Gran Bretagna, cercano di attraversare la Manica affrontando gravissimi pericoli.
A gettare benzina sul fuoco delle polemiche è oggi il ministro degli Interni francese, Gérald Darmanin, che, in una intervista televisiva, ha chiesto, senza tanti giri di parole, al Regno Unito di aprire "l'accesso legale all'immigrazione'' e di ''prendersi le proprie responsabilità'', perché ''oggi chi vuole chiedere asilo in Inghilterra non ha altro mezzo che attraversare la Manica''.

Si aggrava la tensione tra Francia e Regno Unito sulla questione migranti

Darmanin ha ribadito che ''non c'è un modo legale per gli immigrati di andare in Gran Bretagna''. "Cosa fare con gli inglesi?" - si è chiesto il ministro dell'Interni francese - "E anche se cambiano la loro legislazione, si prendano le loro responsabilità!''. In proposito Darmanin ha ricordato che ogni anno in Gran Bretagna vengono registrate 30.000 richieste di asilo contro circa 150.000 in Francia.
"Sono completamente pronto a discutere" con gli inglesi, "a condizione che abbiamo un rapporto normale e di pari carattere" , ha dichiarato Darmanin, rivelando inoltre di sentire ''quasi tutti i giorni'' la sua controparte britannica, Priti Patel.

Interrogato sulla crisi migratoria, anche il segretario di Stato per gli affari europei, Clément Beaune, ha affermato che è necessario "rafforzare chiaramente la cooperazione con gli inglesi". "Gli chiediamo di cambiare il loro modello economico di lavoro clandestino molto duro, abbiamo bisogno di regole del lavoro più umane''.
Beaune ha voluto essere ancora più chiaro dicendo che gli inglesi non hanno un canale di migrazione legale e che questo spinge coloro che vogliono arrivare in Gran Bretagna a ''tentare la traversata a rischio della loro vita''.

Ieri, quattro giorni dopo il tragico naufragio nella Manica, che ha provocato almeno 27 morti , si sono riuniti a Calais (senza la presenza di rappresentanti britannici) i funzionari responsabili dell'immigrazione francese, tedesca, olandese e belga, il commissario europeo per gli affari interni e il direttori delle agenzie di polizia giudiziaria europea Europol e Frontex frontiere. I partecipanti avevano concordato di "migliorare la cooperazione congiunta con il Regno Unito" di fronte al traffico migratorio.
In una dichiarazione congiunta, i partecipanti "hanno riaffermato il loro impegno a fare tutto il possibile per combattere più efficacemente le reti di trafficanti criminali" e hanno riconosciuto la necessità di "migliorare la cooperazione congiunta con il Regno Unito" .
  • Nessun record presente in archivio
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli