Landi Renzo: fatturato consolidato al 30 settembre in crescita del 33,1%

- di: Daniele Minuti
 
Sono molto positivi i risultati registrati da Landi Renzo al 30 settembre 2022: l'azienda ha infatti chiuso i primi nove mesi dell'anno in corso con un fatturato consolidato pari a 216,4 milioni di euro, dato in salita di 33,1 punti percentuali su base annua (a parità di perimetro, la crescita è dell'11,4%). L'EBITDA Adjusted arriva a 8,7 milioni di euro, salendo di 15,2 punti percentuali rispetto al 2021, con una quota del 4% dei ricavi (L'EBITDA è pari a 7,1 milioni con quota del 3,3% dei ricavi).

Landi Renzo: il CDA approva i risultati al 30 settembre 2022

Il risultato netto è negativo per 9,9 milioni di euro rispetto all'1,1 milioni del 2021, mentre la posizione finanziaria netta è negativa per 100,3 milioni di euro ma in miglioramento rispetto ai 133,5 milioni della fine 2021. La PFN Adjusted è pari a 85,4 milioni di euro, 19 milioni dei quali sono riconducibili al settore Clean Tech Solutions, con 66,4 milioni da ricondurre al settore Green Transportation. 

La nota ufficiale sottolinea come sia stata rafforzata la struttura manageriale del Gruppo, con la nomina del Chief Financial Officer e dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili e societari, del Chief Operations Officer e dell’Head of Strategy and Business Development. Decisioni che hanno reso più efficiente la gestione operativa e la realizzazione degli obiettivi di piano.

Stefano Landi, Presidente di Landi Renzo, ha commentato: "Il trimestre, caratterizzato da un contesto con molti elementi di turbolenza che hanno generato un impatto su molti settori, incluso quello dell’automotive, è stato contrassegnato dalla conclusione positiva di un importante aumento di capitale, che ha visto l’ingresso in Landi Renzo di un investitore di lungo periodo come Itaca Equity Holding, volto a supportare l’espansione del Gruppo sia nel segmento della compressione che in quello automotive. Tale operazione consentirà a Landi Renzo di fare affidamento sulla provvista necessaria per rafforzare il proprio posizionamento nei trend globali legati alla transizione energetica, anche attraverso un efficace piano di investimenti".

Cristiano Musi, Amministratore Delegato di Landi Renzo (nella foto), ha aggiunto: "Il terzo trimestre ha visto una sostanziale tenuta della presenza di Landi Renzo nei settori in cui opera ed il Gruppo è riuscito a mantenere, e in alcuni segmenti a migliorare, la propria quota di mercato, a conferma della solidità della strategia adottata. Nonostante questo, il trimestre ha risentito delle dinamiche dei costi e dello shortage di alcuni componenti, che hanno generato un impatto sulla marginalità e determinato un aumento del livello delle rimanenze e dei semilavorati. In questo senso abbiamo intrapreso diverse misure concrete per recuperare gli extra costi e raggiungere in breve tempo una gestione più efficace del circolante, la cui implementazione è stata tuttavia inizialmente rallentata in seguito all’attacco cyber subito dal Gruppo. L’iniziativa più importante, in questa direzione, è stata il deciso rafforzamento della struttura manageriale, che ha visto la nomina del nuovo CFO Vittorio Tavanti, del nuovo Group COO Corrado Belicchi e del nuovo Head of Strategy and Business Development Giorgio Maria Nero. Siamo certi che le esperienze e competenze che questi professionisti porteranno al Gruppo contribuiranno in modo determinante al nostro progetto di sviluppo".
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli