FAO ribadisce il sostegno alle nazioni nell'accelerare il ritmo della trasformazione dei sistemi agroalimentari

- di: Barbara Leone
 
Il vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite si è concluso ieri presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) dopo tre giorni di eventi, incontri e dialoghi ad alto livello che hanno riunito oltre 2000 partecipanti provenienti da 180 paesi, tra cui oltre 20 capi di Stato e di governo e 125 ministri, per esplorare le sfide e le opportunità per trasformare i sistemi agroalimentari.

FAO ribadisce il sostegno alle nazioni nell'accelerare il ritmo della trasformazione dei sistemi agroalimentari

Spero che questo momento di valutazione abbia fornito una finestra olistica per vedere a che punto siamo, cosa abbiamo fatto finora e quanto dobbiamo fare per il futuro - ha dichiarato il Direttore Generale della FAO, QU Dongyu, durante la cerimonia di chiusura -. Il percorso è lungo e dobbiamo accelerare il nostro passo”, ha aggiunto, sottolineando che l'Organizzazione è impegnata a sostenere i membri insieme ai loro percorsi nazionali verso una migliore produzione, una migliore alimentazione, un ambiente migliore e una vita migliore e senza lasciare uno dietro. Qu ha affermato di sperare che i partecipanti abbiano lasciato Roma con i punti chiave per sostenere i loro percorsi nazionali, dopo aver riconosciuto collettivamente che i driver dell'insicurezza alimentare e della malnutrizione sono diventati ancora più complessi a causa del rafforzamento e del rischio interconnesso e dell'impatto della crisi climatica, degli shock economici e conflitti in corso. “Abbiamo sentito parlare delle tante sfide che state affrontando, ma anche che in ogni difficoltà emergono opportunità”, ha sottolineato, prendendo anche atto delle discussioni sulla necessità di un impegno politico di alto livello e di lungo termine.

Il vice segretario generale delle Nazioni Unite, Amina Mohammed, ha ufficialmente chiuso il momento di valutazione dell'UNFSS+2 presentando un invito all'azione a nome del segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres. Ha sostenuto un'azione urgente su larga scala per colmare il divario di attuazione, evidenziando i collegamenti con il finanziamento dello sviluppo, la riduzione del debito, l'inclusione, l'impegno con attori non statali e l'accesso alla scienza, alla tecnologia e all'innovazione per tutti. Ha inoltre delineato le priorità chiave per ulteriori azioni, inclusa la definizione di strategie per il sistema alimentare in tutte le politiche nazionali e la promozione di partenariati multilaterali. “Questo momento di valutazione ha confermato ciò che abbiamo appreso al primo vertice sui sistemi alimentari nel 2021: che possiamo aumentare l'ambizione e accelerare l'azione”, ha detto.

Alla cerimonia di chiusura hanno partecipato anche il Presidente del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), Alvaro Lario, e il Direttore Esecutivo del Programma Alimentare Mondiale. Nel corso di tre giorni, durante gli eventi guidati dalla FAO, i partecipanti all'UNFSS+2 hanno appreso l'importanza di: investimenti in infrastrutture per garantire che ciò che viene prodotto abbia accesso ai mercati; economia circolare e bioeconomia - per aumentare l'efficienza, la sostenibilità e ridurre le perdite e gli sprechi; il vero costo del cibo – per rendere visibili i costi ei benefici nascosti per un processo decisionale efficace; infrastruttura legale - per fornire incentivi e strutture per l'azione; sviluppo di catene del valore - per costruire sistemi agroalimentari resilienti; commercio per aumentare la diversità alimentare, garantire una migliore alimentazione e l'accesso a diete sane.

I partecipanti hanno anche ascoltato messaggi forti su: mettere al centro le persone, soprattutto i giovani e le donne, per soluzioni più efficaci; utilizzare la scienza, la tecnologia e l'innovazione per una migliore produzione, aumentando al contempo la resilienza climatica e la qualità nutritiva del cibo; le risorse naturali sono il fondamento dei sistemi agroalimentari e la necessità di migliorarne l'uso efficiente – produrre di più con meno; l'importanza degli alimenti acquatici per porre fine alla fame e alla malnutrizione e come la Blue Transformation della FAO sia un'iniziativa visionaria per raggiungere questi obiettivi. Ed ancora: l’importanza dei dati geospaziali per prendere decisioni e della cooperazione internazionale, compresa la cooperazione sud-sud e triangolare; la necessità di politiche abilitanti e strutture di governance; la digitalizzazione come uno dei principali acceleratori per far progredire la trasformazione dei sistemi agroalimentari e l’opportunità  per esplorare attivamente un'intera gamma di innovazioni e promuovere tecnologie all'avanguardia, tra cui agricoltura di precisione, analisi dei dati, intelligenza artificiale e blockchain, per migliorare la produzione e accelerare i progressi nell'attuazione dei percorsi nazionali.

Il Direttore Generale Qu ha ricordato ai delegati che la FAO offre uno spazio neutrale per il dialogo per tutti i membri e per tutti gli attori e i partner del sistema agroalimentare, che facilita l'apprendimento reciproco per raggiungere il consenso per soluzioni specifiche del contesto e azioni congiunte per la trasformazione di cui il mondo ha bisogno. “La FAO è inoltre impegnata a lavorare in modo più stretto e significativo con tutti i nostri partner delle Nazioni Unite per aumentare la nostra efficienza e aumentare il nostro impatto collettivo sul campo”, ha sottolineato mettendo  in luce il valore dell'Hub di coordinamento dei sistemi alimentari delle Nazioni Unite, ospitato presso la FAO per conto del Sistema delle Nazioni Unite, come coordinatore e facilitatore efficace, efficiente e coerente, che riunisce i convenor dei sistemi alimentari nazionali e raccoglie dati essenziali.

Andando avanti, dobbiamo rafforzare l'Hub e aumentare il nostro supporto collettivo per migliorare ulteriormente il suo lavoro e la sua efficacia”, ha affermato. Qu ha invitato i partecipanti a tornare a Roma in ottobre per il World Food Forum 2023 , una delle piattaforme più efficaci al mondo per continuare il dialogo sulla trasformazione dei sistemi agroalimentari. Il vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite si è basato sullo slancio del vertice sui sistemi alimentari del 2021 creando uno spazio favorevole per i paesi per rivedere i progressi sugli impegni all'azione e identificare i successi, i colli di bottiglia duraturi e le priorità. Il Segretario Generale delle Nazioni Unite si è impegnato nella sua Sintesi della Presidenza e Dichiarazione d'Azione sul Vertice sui Sistemi Alimentari delle Nazioni Unite a convocare “una riunione di bilancio globale ogni due anni per esaminare i progressi nell'attuazione dei risultati di questo processo e i suoi contributi al raggiungimento del 2030”. Il prossimo incontro, l'UN Food Systems Summit +4, si terrà nel 2025.

Notizie della stesso argomento
Trovati 18 record
Pagina
1
19/07/2024
Saldi, finita l’euforia: +1,9% abbigliamento, +1,2% totale mercato
19/07/2024
AIGAB: "Solo il 2,4% delle case a Milano è messo a reddito con affitti brevi"
19/07/2024
Con Italo la solidarietà non va mai in vacanza
19/07/2024
Anas (Gruppo FS Italiane) per esodo estivo rimuoverà dal 27 luglio al 3 settembre 906 cant...
19/07/2024
Down informatico, CrowdStrike: “Trovata soluzione a problema che ha causato il crash”
19/07/2024
Giustizia: nuove ombre su Csm, la laica Natoli incontra giudice su cui indaga
Trovati 18 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli