Clima: una rete di satelliti europei anticiperà l'arrivo di eventi meteorologici estremi

- di: Redazione
 
Una rete di satelliti europei, con un investimento da quattro miliardi di euro, progettata per avvisare in anticipo di condizioni meteorologiche estreme che quest'anno hanno causato devastazioni in tutto il mondo.

Satelliti europei anticiperanno l'arrivo di eventi meteorologici estremi

La rete di satelliti meteorologici - il primo dei quali è stato presentato in queste ore - consentirà di conoscere in anticipo l'imminente abbattersi di eventi estremi. Frutto di 12 anni di sviluppo per l'Agenzia spaziale europea e l'EUMETSAT di 30 nazioni, il satellite MTG-I sarà lanciato entro la fine di quest'anno su un razzo Ariane 5, ''occupandosi'' di vegliare nello spazio su Europa e Africa.

Il veicolo spaziale da 3,8 tonnellate trasmetterà immagini dal prossimo anno e sarà raggiunto in orbita geostazionaria da altri tre satelliti di imaging MTG-I e due satelliti MTG-S "sounding" in grado di analizzare l'atmosfera, proprio come uno scanner medico, entro il 2030.

La speranza è che i meteorologi guadagneranno ore preziose nel prevedere tempeste e inondazioni a breve termine che possono costare vite umane, con la scansione dell'atmosfera che fornirà un quadro migliore delle condizioni attuali da inserire nei modelli computerizzati.

L'iniziativa sottolinea l'impegno globale per prevenire gli effetti delle perturbazioni meteorologiche esacerbate dal riscaldamento globale e che si stima siano costate 100 miliardi di dollari in tutto il mondo nel solo 2021.
Gli esperti europei hanno affermato che la Cina ha sperimentato la tecnologia con una precisione inferiore, ma deve ancora implementarla, pur riconoscendo che il programma spaziale di Pechino si sta sviluppando rapidamente.
Gli ingegneri hanno affermato che la tecnica del suono o della scansione catturerà le tempeste prima che diventino visibili sui radar tradizionali.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli