Cina: segnali contraddittori per l'economia, in ripresa ma, quasi ai minimi da 40 anni

- di: Redazione
 
L'economia cinese è cresciuta solo del 3% nel 2022, ben al di sotto dell'obiettivo del governo, segnando una delle peggiori performance in quasi mezzo secolo. Per gli economisti, un risultato affatto inatteso, dal momento che la Cina paga ancora pesantemente i lunghi periodi nei quali le autorità centrali hanno contrastato il Covid-19 con durissime politiche di contenimento dei contagi, con confinamenti e lunghe quarantene. La crescita, tuttavia, è leggermente migliore delle aspettative del mercato, con alcuni segnali di stabilizzazione nelle ultime settimane del 2022 grazie al sostegno politico agli investimenti infrastrutturali e all'espansione del credito. Il prodotto interno lordo (PIL) è aumentato del 2,9% nel quarto trimestre, secondo l'Ufficio nazionale di statistica cinese martedì.

Cina: segnali contraddittori per l'economia

Di recente la Cina ha improvvisamente allentato le strategie anti-Covid, ma tre anni di restrizione hanno lasciato il segno sull'economia, spesso provocando le proteste della gente e incidendo profondamente sulle finanze dei governi locali, sulle quali è gravata gran parte della politica di contenimento dei contagi. I dati resi noti oggi dall'Ufficio nazionale di Statistica hanno offerto uno sguardo su come l'ondata di Covid abbia sconvolto l'economia nell'ultimo mese. Le vendite al dettaglio sono diminuite dell'1,8% a dicembre, per il terzo mese consecutivo.

La contrazione è stata causata principalmente dalla diffusione del Covid, poiché la maggior parte delle persone è stata infettata ed è rimasta a casa. Per l'intero anno, le vendite al dettaglio sono diminuite dello 0,2%, mentre nel 2021 avevano registrato una crescita del 12,5%. Nel frattempo, la crescita della produzione industriale è rallentata all'1,3% a dicembre, la più debole in sette mesi. Per il 2022 è aumentato del 3,6%, rispetto al 9,6% del 2021.

Gli investimenti in immobilizzazioni sono aumentati del 5,1% nel periodo gennaio-dicembre. Gli investimenti in infrastrutture di base, che coprono ferrovie, porti e reti di telecomunicazioni, sono aumentati del 9,4% per l'intero anno scorso. Nello stesso periodo , gli investimenti nella produzione di macchinari e apparecchiature elettriche sono aumentati del 42,6% . La crescita è stata dovuta alla spinta degli investimenti infrastrutturali del governo e agli sforzi di allentamento monetario, hanno detto gli analisti. La spesa dei consumatori è ancora in ritardo, ma la crescita economica complessiva dovrebbe aumentare più fortemente da marzo.
Per il futuro, un gruppo di economisti governativi e analisti internazionali ha alzato le previsioni di crescita della Cina tra il 4,3% e il 5,4% per il 2023. Alcuni si aspettano che Pechino fissi un obiettivo di crescita superiore al 5%.
Ma il Paese ha ancora una serie di sfide davanti, come quelle legate alla crisi del settore immobiliare, oltre a quelle del debito pubblico locale.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli