Borse: i mercati asiatici recuperano, seguendo l'andamento positivo di Wall Street

- di: Redazione
 
Le borse asiatiche hanno chiuso le contrattazioni odierne in recupero, sulla scia dei guadagni di Wall Street. Il benchmark giapponese Nikkei 225 è salito dello 0,4% negli scambi mattutini a 28.181,50. L'S &P/ASX 200 australiano ha aggiunto lo 0,5% a 6.881,30. L'Hang Seng di Hong Kong è balzato del 2,3% a 19.282,70, mentre lo Shanghai Composite ha guadagnato lo 07% a 3.256,79. La borsa di Seul era chiusa per una festività nazionale.

Le Borse asiatiche risalgono seguendo Wall Street

Gli investitori ora tengono d'occhio le politiche degli istituti centrali sui tassi di interesse, dopo che la Bce ha deciso il suo più grande aumento di sempre per combattere l'inflazione. La mossa è in linea con le misure adottate dalla Federal Reserve statunitense e da altre banche centrali.

Le azioni sono rimbalzate a Wall Street, mantenendo i principali indici sulla buona strada per il loro primo guadagno settimanale in quattro settimane. L'S &P 500 è salito di 26,31 punti, o dello 0,7%, a 4.006,18. Il Dow è passato da una perdita di 259 punti a un guadagno di 193,24 punti, chiudendo a 31.744,52. Il Nasdaq ha guadagnato 70,23 punti a 11.862,13. Anche i titoli delle società più piccole hanno guadagnato terreno dopo un iniziale ritiro. Il Russell 2000 è salito di 14,90 punti, o dello 0,8%, a 1.846,91.

Le azioni hanno per lo più perso terreno nelle ultime settimane dopo che la Federal Reserve ha confermato che non abbandonerà presto la politica di aumento dei tassi di interesse per ridurre l'inflazione più alta degli ultimi decenni.

La Fed ha già alzato i tassi quattro volte quest'anno e i mercati si aspettano che produca un altro consistente aumento di tre quarti di punto percentuale nella sua prossima riunione tra due settimane. Uno dei più grandi timori della Fed è che le famiglie e le imprese inizino ad aspettarsi che l'inflazione rimanga alta a lungo termine, il che potrebbe portarle a iniziare ad acquistare in un modo che crei un circolo vizioso che rende l'inflazione ancora più difficile da contrastare.
Nel trading energetico, il greggio statunitense di riferimento è salito di 27 cent a 83,81 dollari al barile. Il greggio Brent, lo standard internazionale, ha aggiunto 44 cent a 89,59 dollari al barile.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli