Borse: i dati sull'inflazione in America aiutano i mercati asiatici

- di: Redazione
 
Le borse asiatiche hanno registrato oggi consistenti guadagni, sulla scia di Wall Street, dopo l'ufficializzazione dei dati che hanno mostrato, a luglio, un rallentamento dell'inflazione negli Stati Uniti. Hong Kong, Shanghai e Seul hanno registrato guadagni di oltre l'1% (Tokyo era chiusa per una festività nazionale). L'S &P 500 è salito del 2,1% in base alle aspettative che un rallentamento dell'inflazione significherà che la Federal Reserve potrebbe moderare i suoi aumenti dei tassi di interesse.

I dati sull'inflazione statunitense aiutano le borse asiatiche

A beneficiare del clima di ottimismo i titoli tecnologici, le criptovalute e altri investimenti che sono stati tra i maggiori perdenti dell'anno a causa degli aggressivi aumenti dei tassi della Fed. In Asia l'indice Hang Seng di Hong Kong ha guadagnato l'1,9% a 19.982,20 mentre lo Shanghai Composite ha guadagnato l'1,2%, a 3.268,02. Il Kospi di Seul è salito dell'1,3% a 2.513,22 e il Taiex di Taiwan è salito dell'1,5%. In Thailandia, il SET ha guadagnato lo 0,4% dopo che la banca centrale del paese ha aumentato il tasso di interesse di riferimento di 0,25 punti percentuali allo 0,75% il giorno prima. A Wall Street, l'S &P 500 è salito di 87,77 punti a 4.210,24, toccando i livelli più alti dall'inizio di maggio.

Ora è quasi il 15% al di sopra del minimo di metà giugno. Il Nasdaq, i cui numerosi titoli ad alta crescita e dall'aspetto costoso sono stati particolarmente vulnerabili ai tassi di interesse, è balzato del 2,9% a 12.854,80, con un aumento di oltre il 20% da giugno. Il Dow Jones Industrial Average è aumentato dell'1,6% a 33.309,51. A Wall Street I titoli tecnologici, le criptovalute e altri degli investimenti più colpiti dell'anno sono stati alcuni dei maggiori vincitori della giornata. Bitcoin è salito del 2,2% a poco meno di 24.000 dollari. I prezzi più bassi di benzina e petrolio hanno contribuito a moderare l'inflazione a luglio.

Ma escludendo quello e la volatilità dei prezzi alimentari, la cosiddetta "inflazione core" è rimasta stabile il mese scorso, al 5,9%, invece di accelerare come previsto dagli economisti. In altri scambi, il greggio di riferimento statunitense ha perso 15 centesimi a 91,78 dollari al barile sul New York Mercantile Exchange. Il Brent, base per i prezzi internazionali, ha perso 10 centesimi a 97,30 dollari.
Il Magazine
Italia Informa n° 4 - Luglio/Agosto 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli