Borse: i mercati trattengono il fiato in attesa della Fed

- di: Redazione
 
I mercati trattengono il fiato nell'attesa delle decisioni che saranno prese dalla statunitense Federal Reserve e che tutti gli analisti prevedono porteranno ad un nuovo aumento dei tassi di interesse, come strumento per combattere un'inflazione che, ai massimi livelli degli ultimi decenni, non accenna ad arretrare. Oggi, in chiusura di contrattazioni, le borse asiatiche hanno registrato degli arretramenti generalizzati.
Il benchmark giapponese Nikkei 225 è sceso dell'1,4% negli scambi mattutini a 27.308,66. L'S &P/ASX 200 australiano è sceso dell'1,4% a 6.712,40. Il Kospi della Corea del Sud ha perso lo 0,9% a 2.346,62. L'Hang Seng di Hong Kong ha perso l'1,4% a 18.524,48, mentre lo Shanghai Composite è arretrato dello 0,2% a 3.115,08.

Le borse attendono le decisione della Fed

Ad aumentare l'incertezza degli investitori ha contribuito anche l'annuncio dell'indizione di referendum popolari che dovrebbero sancire la volontà degli abitanti delle regioni dell'Ucraina orientale e meridionale, controllate militarmente dalla Russia, di diventare parte integrante della Federazione guidata da Mosca. Questo sviluppo della situazione in Ucraina potrebbe portare ad una intensificazione della guerra.
A Wall Street, l' indice S&P 500 è sceso dell'1,1% a 3.855,93, poiché oltre il 90% delle azioni e ogni settore dell'indice di riferimento ha perso terreno. Il Dow Jones Industrial Average ha perso l'1% a 30.706,23. Anche il composito Nasdaq è sceso dell'1%, a 11.425,05.

I rendimenti obbligazionari sono perlopiù aumentati. Il rendimento del Treasury a 10 anni, che influenza i tassi dei mutui, è salito al 3,56% dal 3,52% di lunedì scorso e sta scambiando ai livelli più alti dal 2011.
Il rendimento del Treasury a 2 anni, che tende a seguire le aspettative per l'azione della Fed, è rimasto stabile al 3,95%, in bilico intorno ai livelli più alti dal 2007.
La Fed dovrebbe aumentare il suo tasso chiave a breve termine di tre quarti di punto per la terza volta nella riunione in programma oggi. Ciò aumenterebbe il suo tasso di riferimento, che interessa molti prestiti ai consumatori e alle imprese, dal 3% al 3,25%, il livello più alto degli ultimi 14 anni, da zero che era all'inizio dell'anno.

Wall Street teme che gli aumenti dei tassi possano andare troppo oltre nel rallentare la crescita economica e spingere l'economia in recessione.
Per quanto riguarda i grandi protagonisti dell'economia americana, Ford è scesa del 12,3% per il più grande calo dell'S &P 500 dopo aver tagliato le sue previsioni sugli utili del terzo trimestre perché una carenza di parti la lascerà con ben 45.000 veicoli non completati fermi e quindi non vendibili quando il 30 settembre finirà il trimestre. La scorsa settimana, FedEx e General Electric hanno messo in guardia gli investitori sui danni causati dall'inflazione alle loro operazioni.

Per quanto riguarda altri Paese, la Banca del Giappone ha iniziato oggi una due giorni di lavori, a conclusione dei quali non dovrebbe scostarsi dalla sua politica monetaria accomodante. Decisioni sui tassi saranno prese dagli istituti centrali di Norvegia, Svizzera e Regno Unito. Nel commercio di energia, il greggio di riferimento statunitense è salito di 15 cent a 84,09 dollari al barile sul New York Mercantile Exchange. Il Brent ha aggiunto 22 cent a 90,84 dollari al barile.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli