Borse: positivi i mercati asiatici, dopo il rialzo di Wall Street

- di: Redazione
 
I mercati della regione Asia-Australia hanno chiuso le contrattazioni odierne in positivo, dopo che ieri Wall Street ha chiuso in rialzo reagendo positivamente alla decisione della Banca d'Inghilterra di acquistare titoli di Stato per riportare ordine sui mercati finanziari, scossi dall'annuncio del govero di Londra di un piano di tasse da 45 miliardi di sterline, senza riduzioni di spesa. Tutti in positivo di benchmark di mercato di Hong Kong, Seul, Sydney (tutti oltre l'1 per cento di guadagno), Shanghai e Tokyo.

Crescono le borse asiatiche dopo il positivo risultato di Wall Street

L'indice S&P 500 di Wall Street nelle contrattazioni di ieri è salito del 2%, cioè il suo più grande guadagno in sette settimane dopo che la Banca d'Inghilterra ha annunciato che avrebbe acquistato tutti i titoli di stato necessari per riportare l'ordine sui mercati finanziari. La mossa ha contribuito a calmare i timori degli investitori che i previsti tagli alle tasse britanniche avrebbero spinto verso l'alto l'inflazione già elevata. Cosa che aveva causato la caduta del valore della sterlina britannica al livello più basso dagli anni '70 e il crollo dei prezzi delle obbligazioni.

Lo Shanghai Composite Index è salito dello 0,3% a 3.053,33; il Nikkei 225 di Tokyo ha guadagnato lo 0,7% a 26.365,36: l'Hang Seng di Hong Kong è balzato dell'1,3% a 17.466,89; il Kospi di Seul è andato in territorio positivo dell'1,3% a 2.196,97; l'S &P ASX 200 di Sydney ha registrato un + 1,8% a 6.577,70. Bene anche le borse della Nuova Zelanda e degli altri Paesi della regione.
A Wall Street, l'S &P 500 è salito a 3.719,04 dopo che la Banca d'Inghilterra ha dichiarato che avrebbe acquistato obbligazioni nelle prossime due settimane per fermare un calo dei prezzi. La banca centrale in precedenza aveva avvertito che il crollo della fiducia nell'economia rappresentava un "rischio materiale per la stabilità finanziaria del Regno Unito". Il Fondo Monetario Internazionale ha fatto il raro passo di esortare un membro del Gruppo delle Sette economie avanzate ad abbandonare il suo piano di tagli alle tasse e maggiori prestiti.

Il Dow Jones Industrial Average è salito dell'1,9% a 29.683,74; il Nasdaq del 2,1% a 11.051,64.
Nonostante il guadagno di mercoledì, l'S &P 500 è in calo di oltre il 20% rispetto al record del 3 gennaio, il che lo colloca in quello che i trader chiamano un mercato ribassista.
Il rendimento del Tesoro statunitense a 10 anni, o la differenza tra il suo prezzo di mercato e il pagamento se mantenuto fino alla scadenza, mercoledì ha superato brevemente il 4%, il livello più alto in un decennio.
Gli investitori sono sempre più preoccupati che gli aggressivi rialzi dei tassi di interesse quest'anno da parte della Federal Reserve e delle banche centrali in Europa e Asia per raffreddare l'inflazione che è ai massimi da più decenni possano far precipitare l'economia globale in recessione.

Nei mercati energetici, il greggio statunitense di riferimento ha perso 42 centesimi a 81,73 dollari al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Il greggio Brent, la base dei prezzi per i petroli internazionali, ha perso 44 centesimi a 87,61 dollari al barile a Londra.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli