Borse: i timori legati alla visita di Pelosi a Taiwan deprimono i mercati asiatici

- di: Redazione
 
I timori legati alla stabilità nella regione a causa della visita a Taiwan della presidente della Camera degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, hanno depresso i mercati asiatici nella giornata odierna di contrattazioni. Le borse asiatiche sono state per lo più in ribasso, comprese quelle di Giappone, Cina, Corea del Sud e Australia. L'indice giapponese Nikkei 225 è sceso dell'1,6% negli scambi mattutini a 27.546,58.

Borse asiatiche in rallentamento per i timori legati alla visita di Pelosi a Taiwan

L'S &P/ASX 200 australiano ha perso lo 0,5% a 6.956,00. Il Kospi della Corea del Sud è scivolato dello 0,7% a 2.435,58. L'Hang Seng di Hong Kong è arretrato del 2,9% a 19.582,17, mentre lo Shanghai Composite è andato pesantemente in territorio negativo, perdendo il 2,4% a 3.183,44.

L'aumento delle infezioni da Covid-19 in alcuni Paesi, compreso il Giappone, rimane una delle principali preoccupazioni, per le rigide misure di contenimento dei contagi adottate, con le conseguenze non positive per l'economia. A Wall Street, l'S &P 500, dopo un guadagno iniziale, ha chiuso al ribasso dello 0,3% a 4.118,63. Il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,1% a 32.798,40 e il Nasdaq ha perso lo 0,2% a 12.368,98. Anche le azioni di società più piccole hanno restituito alcuni dei loro recenti guadagni, portando il Russell 2000 in ribasso dello 0,1% a 1.883,31.

Luglio è stato il mese migliore per l' indice S&P 500 da novembre 2020
. Ma la serie di rapporti economici e guadagni aziendali di questa settimana ha lasciato i trader cauti. Banche, società sanitarie e titoli tecnologici sono stati tra i titoli che hanno registrato arretramenti sull'S &P 500. I prezzi del greggio statunitense sono scesi del 4,8%, trascinando al ribasso i titoli energetici (Exxon Mobil ha perso il 2,5%). Il titolo della Boeing è balzato del 6,1% per il più grande guadagno nell'S &P 500 dopo aver superato un ostacolo chiave con le autorità di regolamentazione federali, che, dopo un parere positivo espresso dalla Faa, consentirà di riprendere a breve le consegne del suo grande aereo di linea 787.

Il Magazine
Italia Informa n° 4 - Luglio/Agosto 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli