Borse: una nuova seduta negativa chiude una settimana nervosa in Asia

- di: Redazione
 
Le ombre lunghe delle politiche della Federal reserve - che ha deciso un nuovo rialzo dei tassi - continuano ad oscurare le contrattazioni sui mercati asiatici che oggi hanno chiuso contrastate per la terza giornata consecutiva. Le borse di Shanghai, Hong Kong, Seul e Sydney hanno chiuso in terreno negativo (quella di Tokyo era ferma per una festività), mentre i prezzi del petrolio sono scesi.

Borse: una nuova seduta negativa chiude in Asia

L' indice S&P 500 di riferimento di Wall Street è sceso ieri per il terzo di fila, dopo gli aumenti dei tassi da parte delle banche centrali in Gran Bretagna, Svizzera e Filippine.
Nello specifico, l'indice Shanghai Composite ha perso meno dello 0,1% a 3.107,88 e l'Hang Seng di Hong Kong è sceso dello 0,4% a 18.064,67. Il Kospi di Seul è crollato dell'1,8% a 2.290,54. L'S &P-ASX 200 di Sydney è sceso del 2% a 6.567,30 e l'indiano Sensex ha aperto in ribasso dell'1,1% a 58.467,75. Anche i mercati della Nuova Zelanda e del sud-est asiatico sono stati in calo.

L'S &P 500 ha perso lo 0,8% giovedì a 3.757,99. Il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,4% a 30.076,68 e il Nasdaq Composite è scivolato dell'1,4% a 11.066,81. Gli investitori temono che la Fed e le altre banche centrali possano essere disposte a tollerare un doloroso crollo dell'attività economica per tenere i prezzi sotto controllo.

L'inflazione al consumo statunitense è scesa all'8,3% ad agosto, dopo il picco del 9,1% del mese precedente. Ma l'inflazione core, che elimina la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici per dare un quadro più chiaro della tendenza, è salita allo 0,6% rispetto al mese precedente, in aumento rispetto all'aumento dello 0,3% di luglio. Ciò indicava che la pressione per l'aumento dei prezzi era ancora forte.

La Fed mercoledì ha alzato il suo tasso di riferimento, che colpisce molti prestiti ai consumatori e alle imprese, in un intervallo dal 3% al 3,25%, con la certezza che il tasso di riferimento salirà al 4,4% entro la fine dell'anno, un punto in più rispetto a quanto previsto a giugno. Nei mercati energetici, il greggio statunitense di riferimento ha perso 25 centesimi a 83,24 dollari al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Il Brent è sceso di 28 centesimi a 89,25 dollari al barile a Londra.
Il Magazine
Italia Informa n° 4 - Luglio/Agosto 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli