Fiepet Confesercenti: "La situazione per bar e ristoranti è diventata insostenibile"

- di: Daniele Minuti
 
L'approvazione del nuovo Decreto Covid da parte del Consiglio dei Ministri certifica, come se ce ne fosse ancora bisogno, la drammatica situazione per chi gestisce bar e ristoranti date le costrizioni mantenute dall'esecutivo che ha di fatto "bandito" le zone gialle da qui fino al 30 aprile.

Queste attività dovranno ancora operare unicamente con il servizio da asporto fino alle 18:00 (i ristoranti potranno consegnare a domicilio fino alle 22:00), con la flebile speranza di scalare in zona gialla dopo le valutazioni fissate per la metà di aprile.

Intanto però la rabbia degli imprenditori si fa sentire, con l'urlo affidato alla voce di Giancarlo Banchieri, presidente di Fiepet Confesercenti: "Le nuove misure approvate dal CDM scaricano ancora una volta il peso dell'emergenza sanitaria su una sola categoria: le imprese della somministrazione, bar, ristoranti, locali e pizzerie sono tutte costrette a rimanere con le serrande abbassate anche nel caso in cui si trovino in zone con numeri da zona gialla. La situazione è insostenibile e si tratta di un accanimento che fatico a comprendere. Le nostre imprese sono chiuse oramai da un mese e con il blocco delle zone in rosso o in arancione per tutto aprile, di fatto l'esecutivo condanna migliaia di imprenditori a nuove perdite di fatturato concretizzando sempre di più l'ipotesi di non essere in gradi di riaprire l'attività al termine dell'emergenza sanitaria".

"Ci aspettavamo un cambio di passo" - spiega Banchieri - "o quantomeno un via libera contestuale a un nuovo decreto con indennizzi rivolte alle imprese che sono costrette a chiudere, invece niente. Sappiamo che la salute pubblica rappresenta la priorità ma chiediamo al Governo di dare velocemente sostegno alle imprese e non fra diverse settimane, serve accompagnare i provvedimenti di chiusura con misure di ristoro per queste attività, oltre a rendere più rapido il piano vaccini che è ancora lontano dal registrare i numeri stimati. È ingiusto che a pagare il prezzo di questa pandemia sia unicamente la nostra categoria".
Notizie della stesso argomento
Trovati 80 record
Pagina
1
23/07/2024
Talea Group: ricavi nel primo semestre in crescita del 10,1%
23/07/2024
Mercato libero: calo di consumo medio e spesa annua nel primo semestre 2024
23/07/2024
SIMEST-MAECI presentano la "Misura Africa"
23/07/2024
Fincantieri: ordine con Carnival Corporation per tre mega navi da crociera
23/07/2024
ZES, Cataldi (Presidente UNGDCEC): "Risorse scarse e pianificazione inesistente"
23/07/2024
UniCredit: 75 milioni di euro, con un pool di banche, a supporto del Gruppo Favini
Trovati 80 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli