La Banca mondiale lancia l'allarme inflazione: "È il doppio di prima della pandemia"

- di: Redazione
 
Secondo la Banca mondiale, il tasso di inflazione core globale, esclusa l'energia, potrebbe rimanere a circa il 5% l'anno prossimo, quasi il doppio della media quinquennale prima della pandemia, a meno che le interruzioni dell'offerta e le pressioni sul mercato del lavoro non diminuiscano.

La Banca mondiale lancia l'allarme inflazione

Per spingere l'inflazione al ribasso, le banche centrali potrebbero dover aumentare i tassi di interesse di altri 2 punti percentuali, oltre all'aumento di 2 punti già visto, ha affermato l'Istituto. Ma un aumento di tale entità, insieme allo stress dei mercati finanziari, rallenterebbe la crescita del PIL globale allo 0,5% nel 2023, o una contrazione dello 0,4% in termini pro capite, entrando nella definizione tecnica di recessione globale.
Il vicepresidente della Banca mondiale Ayhan Kose ha affermato che il recente inasprimento delle politiche monetarie e fiscali aiuterebbe a domare l'inflazione, ma poiché ciò sta accadendo contemporaneamente in diversi Paesi, questo potrebbe peggiorare il rallentamento della crescita globale. Il rapporto dell'Istituto suggerisce che le banche centrali potrebbero combattere l'inflazione senza innescare una recessione globale comunicando chiaramente le loro decisioni politiche e ha anche chiesto piani fiscali credibili a medio termine e aiuti più mirati per le famiglie vulnerabili.

Il mondo sembra avviarsi verso una recessione globale poiché le banche centrali sono costrette ad aumentare i tassi di interesse per combattere l'inflazione elevata, ha avvertito la Banca mondiale.
Le tre maggiori economie del mondo - Stati Uniti, Cina e zona euro - hanno subito un forte rallentamento e anche "un moderato colpo all'economia globale nel prossimo anno potrebbe farla cadere in recessione", ha affermato la banca in un nuovo studio.
Esprimendo la preoccupazione che queste tendenze persistessero, con conseguenze dannose per i mercati emergenti e le economie in via di sviluppo, il presidente della Banca mondiale David Malpass ha dichiarato che ''la crescita globale sta rallentando bruscamente, con un probabile ulteriore rallentamento man mano che più Paesi cadono in recessione''.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli