Amazon: nel 2021 creati in Italia più di 4500 posti di lavoro a tempo indeterminato

- di: Daniele Minuti
 
Amazon prosegue nel suo percorso di assunzione in Italia a sostegno dell'economia nel nostro Paese: è di oggi l'annuncio dei numeri per il 2021, anno in cui l'azienda ha creato oltre 4500 posti di lavoro a tempo indeterminato nella penisola, andando a superare la soglia dei 14.000 dipendenti (più che raddoppiato il numero dalla fine del 2019.

Amazon continua ad assumere sostenendo così l'economia italiana

Ennesima dimostrazione del peso che Amazon ha sull'ecosistema lavorativo in Italia (dopo le certificazioni dal Top Employer Institute negli ultimi due anni), azienda che secondo lo studio di The European House Ambrosetti ha creato più posti di lavoro nel nostro Paese dal 2011 al 2020.

Un lavoro costante a supporto della crescita del sistema economico e la digitalizzazione delle Piccole e Medie imprese del nostro paese: in questo decennio, Amazon ha offerto diverse tipologie di lavoro a diversi profili diversi, indipendentemente dal livello di esperienza o background. Da non sottovalutare la spinta all'occupazione nel Centro Sud (5.000 persone impiegate e con previsioni di 1.100 nuovi posti in tre anni).

Il tutto con stipendi competitivi (1.680 euro al mese, +8% rispetto alla media Fissata dal Contratto Nazionale), benefit specifici come piano pensionistico e assistenza sanitaria con assicurazione medica e sulla vita.
In ultimo, Amazon ha contribuito a creare posti di lavoro anche al di fuori della sua azienda, fornendo a realtà locali tecnologie e strumenti per vendere i loro prodotti e quindi, puntare con più forza sul campo della digitalizzazione.

Mariangela Marseglia, VP Country Manager Amazon.it and Amazon.es (nella foto), ha commentato: "Il raddoppio dei posti di lavoro a tempo indeterminato in Italia negli ultimi due anni sottolinea il contributo alla ripresa economica del Paese attraverso il nostro Piano Italia. Il nostro sostegno alla crescita dell'economia italiana si concretizza nel supporto alle comunità locali attraverso sia la creazione di posti di lavoro qualificati in ognuno dei nostri 50 siti sul territorio, sia negli investimenti per la digitalizzazione delle PMI. Le persone di talento che abbiamo assunto continueranno a sviluppare l'infrastruttura digitale e fisica che oggi supporta più di 18.000 piccole imprese italiane nel fornire prodotti e servizi a milioni di clienti in tutto il mondo. Le PMI italiane che vendono su Amazon hanno creato più di 50.000 posti di lavoro come diretta conseguenza del loro rapporto con Amazon. Si è parlato molto di come l'e-commerce sia cresciuto durante i due anni della pandemia, ma anche questi numeri dimostrano che tale crescita ha generato nuovi posti di lavoro di qualità, circa 100.000 tra diretti e indiretti, e ha contribuito alla crescita dell'economia del Paese in linea con gli obiettivi strategici del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. In questo contesto, i protocolli firmati nel 2021 rappresentano un'ulteriore prova del nostro impegno per instaurare un dialogo costruttivo e responsabile nel Paese in termini di relazioni industriali".

Gilberto Pichetto Fratin, viceministro allo Sviluppo economico, ha dichiarato: "Gli investimenti nel digitale, sia pubblici sia privati, supportano la transizione dell’intero Sistema Paese per cogliere le opportunità dei mercati globali e creano occupazione. Guardiamo con interesse allo sviluppo di Amazon sul territorio e agli investimenti per la digitalizzazione e la crescita delle PMI italiane in linea con gli obiettivi del PNRR. Il Mise ha messo in campo importanti risorse per sostenere la digitalizzazione delle imprese e ridurre il digital divide del sistema produttivo sull'intero territorio nazionale. Con il Piano voucher puntiamo a velocizzare gli investimenti nella banda ultralarga del Paese e cogliere l'opportunità delle risorse stanziate nel PNRR. Un'attenzione che continuerà ad essere concentrata sulle aziende innovative, anche piccole e giovani, che hanno dato prova di poter fornire un concreto contributo al Paese in termini di nuove idee, creando al contempo nuove opportunità per fare impresa e generare nuova occupazione".

Federico Freni, sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha commentato: "La creazione dei posti di lavoro da parte di Amazon è un'ottima notizia per tutto il sistema Paese e dimostra che l'Italia offre importanti opportunità di investimento per le realtà internazionali. In un momento così delicato, è importante continuare a consolidare i livelli occupazionali, confermando e addirittura aumentando l'impegno anche nei momenti peggiori della crisi".
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli