Usa: la Fed lascia invariati i tassi, si allontana lo spettro della recessione

- di: Redazione
 
La Federal Reserve ha lasciato invariato il tasso di interesse di riferimento, fermando la sua politica aggressiva di lotta all'inflazione, mentre cresce l'ottimismo che gli Stati Uniti possano vedere allontanarsi lo spettro della recessione.
Ma la Fed prevede di aumentare i tassi un'altra volta quest'anno, mentre gli analisti concordano nel vedere iniziare l'anno prossima una loro discesa. Le proiezioni sulla performance economica del Paese oggi parlano di un 2,1% per il 2024, quando, appena a giugno, la stima era dell'1%.
Intanto la lotta all'inflazione, sebbene drasticamente scesa dal picco raggiunto lo scorso anno del 9%, non è stata vinta, poiché è ancora di un punto percentuale più alto rispetto all'obiettivo della Federal Reserve, quello del 2% annuo.

Usa: la Fed lascia invariati i tassi, si allontana lo spettro della recessione

Lo stesso presidente della Fed, Jerome Powell, ha detto che "considerando i progressi compiuti, siamo nella posizione di procedere con cautela mentre valutiamo i dati in arrivo, l'evoluzione delle prospettive e dei rischi", ammettendo che ''il processo per ridurre l'inflazione in modo sostenibile al 2% ha ancora molta strada da fare".
Se la Fed, con la serie di rialzi dei tassi più aggressiva in più di due decenni, ha reso i costi di finanziamento più alti per tutto, dalle case alle barche, la performance economica resiliente ha suscitato un’ondata di ottimismo sulla possibilità che gli Stati Uniti possano ridurre l’inflazione senza cadere in recessione.

"L'attività economica è stata più forte di quanto ci aspettassimo, più forte di quanto chiunque si aspettasse", ha detto Powell.
L’inflazione è aumentata per due mesi consecutivi, con il rischio che la lievitazione dei prezzi del petrolio la possano spingere ancora più in alto, non sottovalutando gli effetti degli sciopero nel settore della produzione automobilistica.
Un indicatore significativo del buono stato di salute dell'economie è quello delle assunzioni, rimaste stabili in agosto con l’economia che ha aggiunto 187.000 posti di lavoro. Il tasso di disoccupazione è salito al 3,8% in agosto, ma rimane vicino al livello più basso degli ultimi 50 anni, come mostrano i dati.

Un'importante revisione al rialzo dei dati governativi ha mostrato che il prodotto interno lordo è aumentato ad un tasso annualizzato del 2% per un periodo di tre mesi terminato a marzo: un aumento considerevole rispetto alla precedente stima dell'1,3%. Tuttavia, la crescita economica statunitense nei primi tre mesi di quest’anno è stata più lenta rispetto alla crescita del 2,6% del trimestre precedente. A sua volta, tale performance è scesa rispetto alla crescita del 3,2% del trimestre precedente.
Notizie della stesso argomento
Trovati 10 record
Pagina
1
19/07/2024
Stati Uniti: Trump "arruola" Dio e promette di plasmare il Paese per i prossimi decenni
18/07/2024
Giappone: nel primo semestre dell'anno l'export torna a crescere
17/07/2024
Starmer promette di ''togliere i freni'' alla Gran Bretagna
17/07/2024
Cina: il Partito comunista definisce le riforme per rilanciare l'economia
17/07/2024
Fmi rivede al rialzo le previsioni di crescita per India e Cina
16/07/2024
Usa: la Federal Reserve a un passo dal taglio dei tassi di interesse
Trovati 10 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 3 - Maggio/Giugno 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli