Stati Uniti: 467.000 nuovi posti di lavoro a gennaio

- di: Brian Green
 
Nonostante il devastante impatto che ha avuto nel Paese l'ondata della variante Omicron del coronavirus, che ha in qualche modo coinvolto milioni di lavoratori, ha tenuto molti consumatori a casa e ha messo in enormi difficoltà le attività di ristorazione per mancanza di personale, nel mese di gennaio negli Stati Uniti sono stati registrati ufficialmente 467.000 nuovi posti di lavoro. Lo ha reso noto il Dipartimento del lavoro, che ha comunque riferito che il tasso di disoccupazione è salito dal 3,9% al 4%.

I posti di lavoro negli Stati Uniti sono saliti di oltre 450.000 unità a gennaio

Il forte aumento delle assunzioni, che è giunto inaspettato, conferma la spinta che molti datori di lavoro hanno ad assumere, anche se la pandemia condizione innegabilmente l'economia. Le imprese, insomma, al di là dell'impatto della variante Omicron, di cui si spera l'imminente esaurimento, rimangono fiduciose sulla crescita a lungo termine. L'impennata del Covid-19 probabilmente ha indotto molti lavoratori a sospendere la ricerca di lavoro, esacerbando una carenza di manodopera che ha tenuto molte persone ai margini dell'occupazione. Una carenza che ha quindi portato i datori di lavoro ad aumentare la paga per cercare di riavere con loro i vecchi dipendenti.

Con un numero elevato di personale in malattia, alcune aziende negli Stati Uniti hanno sospeso le assunzioni. I contagi determinati da Omicron hanno raggiunto un picco superiore a 800.000 al giorno durante la seconda settimana di gennaio, che è poi il periodo in cui il governo ha misurato l'occupazione per il mese. Nonostante la situazione, la maggior parte degli economisti prevede un rimbalzo relativamente rapido delle assunzioni già nelle prossime settimane. Anche perché i dati a livello nazionale indicano che il numero delle infezioni da Omicron stanno crollando, con le prospettive generali per il mercato del lavoro che rimangono brillanti, con molte aziende ancora alla disperata ricerca di gente da assumere. Il numero di posti di lavoro a fine dicembre ha quasi raggiunto il numero di 11 milioni, appena al di sotto del record stabilito a luglio. Inoltre, il ritmo dei licenziamenti e il tasso di disoccupazione sono entrambi vicini ai minimi pre-pandemia.

Un recente sondaggio, fatto in gennaio, ha stabilito che quasi 8,8 milioni di persone non lavoravano all'inizio del perché erano malate di Covid-19 o dovevano prendersi cura di qualcuno che lo era. Un numero più che triplo rispetto a dicembre. La maggior parte di questi lavoratori probabilmente ha beneficiato di un congedo per malattia retribuito dal datore di lavoro e la loro permanenza a casa non avrebbe influito sul conteggio dei posti di lavoro.

Ma circa un quinto dei lavoratori, in particolare i dipendenti dei servizi a bassa retribuzione, che hanno maggiori probabilità di contrarre il virus, non hanno ferie retribuite. Se avessero saltato un intero periodo di paga per malattia, i loro posti di lavoro sarebbero stati conteggiati come persi per il mese, anche se erano ancora occupati. Ciò ridurrebbe il numero di posti di lavoro del governo per gennaio.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli