Agricoltura: le proteste si allargano anche alla Spagna, e si apre lo scontro con il Marocco

- di: Redazione
 
Si allarga il fronte delle proteste del mondo agricolo europeo contro le decisioni dell'Ue.
Dopo che gli agricoltori di Franca, Italia e Germania stanno attuando proteste, soprattutto mandando i trattori a ostacolare la normale circolazione su importanti vie di comunicazione, è di queste ore l'appello alla mobilitazione del settore in Spagna, dove si sta organizzando, per maggio, un grande ''raduno di trattori'', come quello che paralizzò Madrid nell'estate dello scorso anno.
Gli agricoltori spagnoli chiedono in particolare, oltre ad essere aiutati a contrastare la crisi dei costi, anche fondi per combattere la siccità, oltre al contenzioso con Bruxelles per le politiche di settore.

Agricoltura: le proteste si allargano anche alla Spagna, e si apre lo scontro con il Marocco

Ma ora l'agricoltura sta diventando terreno per controversie tra Paesi, perché se il governo francese ha accusato gli agricoltori spagnoli e italiani di concorrenza sleale, dalla Spagna ora si punta il dito contro il Marocco.
Il movimento SOS Rurale, che riunisce centinaia di organizzazioni non solo di allevatori o agricoltori, ma anche di pescatori e di altre attività legate al mondo rurale e alla cosiddetta “Spagna Vuota”, ha già chiesto mobilitazioni. "L'alternativa dei nostri politici è - secondo SOS Rurale - un suicidio incomprensibile: incoraggiare la coltivazione massiccia in Paesi come il Marocco, l'Egitto o la Turchia , da dove dobbiamo importare prodotti come i pomodori. È incredibile che un Paese come la Spagna stia per dipendere Il Marocco per poterci nutrire è una sciocchezza".

Da SOS Rural arriva l'avvertimento che che "tra un decennio il cibo degli spagnoli dipenderà dal Marocco" e accusano l'UE e lo stesso governo spagnolo di "stimolare massicce espansioni delle colture" in Paesi che "competono in condizioni diseguali" con i prodotti europei''.
Nel 2023 in Spagna i prezzi dei generi alimentari hanno accumulato aumenti dell'11,7%, inaccessibili per molte famiglie, che si sommano all'aumento del 15,3% registrato nel 2022. E in questo contesto, ogni spagnolo ha eliminato dal proprio paniere l'acquisto di 2,45 chili di cibo fresco prodotti , secondo i dati gestiti dal Ministero dell'Agricoltura.

"È l'inizio della fine della dieta mediterranea", lamenta Adolfo García Albadalejo, presidente della Fondazione Ingenio, che rappresenta decine di cooperative e aziende delle campagne, e direttore di un'azienda agricola che produce prodotti biologici.
Notizie della stesso argomento
Trovati 18 record
Pagina
1
20/06/2024
Caldo in arrivo, i consigli di Enea per risparmiare energia
20/06/2024
Vacanze, 10 destinazioni top al Mare in Italia
20/06/2024
Caritas, povertà ai massimi storici: tocca un italiano su 10
20/06/2024
Operaio indiano morto a Latina: la fine di Satnam un'offesa per la civiltà del Paese
19/06/2024
Lendlease, inaugurato Scirocco: nuovo hub culturale a Milano Santa Giulia
19/06/2024
Jetcost, 7 italiani su 10 smarriscono qualcosa durante le vacanze
Trovati 18 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli