I prezzi del petrolio iniziano settimana in discesa

- di: Redazione
 
I prezzi del petrolio hanno iniziato oggi la settimana di negoziazione con cali significativi. Questa mattina un barile (corrispondente circa a 159 litri) di Brent del Mare del Nord costava 100,41 dollari. Cioè, 2,37 dollari in meno rispetto a venerdì.

Calano in maniera significativa i prezzi del petrolio all'inizio della settimana

Il prezzo di un barile di West Texas Intermediate (estratto negli Stati Uniti) è sceso quasi dello stesso importo del Brent, rispetto alla quotazione di venerdì scorso con - 2,38 dollari, a 95,88 dollari.
Secondo gli analisti, i prezzi del greggio sono attualmente appesantiti principalmente dalla situazione economica in Cina, dove le rigide politiche di contrasto dell'espandersi del coronavirus stanno causando forti rallentamenti economici.

Come sta accadendo a Shanghai, cuore economico e finanziario dello Cina, dove la popolazione (nella megalopoli vivono oltre venticinque milioni di persone) è costretta a restare confinata a casa, con ripercussioni immaginabili.

Come quelli che stanno paralizzando il porto di Shanghai, il più importante del Paese. La Cina, peraltro, è uno dei maggiori consumatori di petrolio al mondo.
Nonostante ciò, il livello dei prezzi del greggio rimane elevato e in ogni caso ben più alto dalle quotazioni dell'inizio dell'anno.
Il Magazine
Italia Informa n° 5 - Settembre/Ottobre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli