Medio Oriente: tre studenti palestinesi feriti in un agguato negli Stati Uniti, arrestato responsabile

- di: Redazione
 
Tre studenti palestinesi sono stati feriti, sabato notte, in un agguato a colpi d'arma da fuoco, vicino all’Università del Vermont.
Due dei tre ventenni sono in condizioni stabili, mentre l’altro presenta ferite più gravi, secondo un rapporto del dipartimento di polizia di Burlington. La polizia ha reso noto di avere eseguito l'arresto del presunto autore del gesto, che apparentemente sembra essere un crimine d'odio.
I giovani coinvolti nella sparatoria sono Hisham Awartani, studente della Brown University nel Rhode Island; Kinnan Abdalhamid, che frequenta l'Haverford College, in Pennsylvania; e Tahseen Ahmad, che studia al Trinity College nel Connecticut.

Medio Oriente: tre studenti palestinesi feriti in un agguato negli Stati Uniti

Le vittime, secondo la polizia, stavano andando a casa di uno dei loro parenti per la cena del Ringraziamento e due di loro indossavano keffiah palestinesi.
Il presunto responsabile, Jason J. Eaton, 48 anni, è stato arrestato ieri sera vicino alla scena dell'attacco, ha detto il dipartimento di polizia di Burlington in un comunicato stampa nel quale si dice che l'uomo vive in un condominio di fronte alla scena della sparatoria e una perquisizione nella sua casa ha scoperto prove che hanno dato agli investigatori "probabili ragioni per credere che abbia perpetrato la sparatoria".
Secondo una prima ricostruzione dell'accaduto, i tre ragazzi sono stati affrontati da un bianco che, senza dire una parola, ha sparato contro di loro almeno quattro colpi di pistola, per poi allontanarsi a piedi.

L'episodio è accaduto mentre islamofobia e antisemitismo aumentano sullo sfondo della guerra tra Israele e Hamas. All’inizio di novembre, il presidente Joe Biden ha annunciato un “primo” programma nazionale per contrastare l’islamofobia. Le famiglie dei tre ragazzi hanno chiesto alle forze di polizia, in una dichiarazione congiunta, di considerare la sparatoria un crimine d’odio: ''I nostri figli sono studenti impegnati che meritano di potersi concentrare sui loro studi e costruire il loro futuro".

“In questo momento carico di tensione, nessuno può guardare questo incidente e non sospettare che possa essere stato un crimine motivato dall’odio. E sono già stato in contatto con gli investigatori federali e i partner della procura per prepararmi a ciò, se sarà dimostrato”, ha dichiarato il capo della polizia di Burlington, Jon Murad, in una nota.
I crimini d’odio sono considerati reati federali. Un portavoce dell’FBI Albany, che copre il Vermont, ha detto in una dichiarazione dopo la notizia della sparatoria che il Bureau stava indagando sull’incidente per vedere se c’erano prove di una “violazione federale”.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli