Medio Oriente: raggiunto accordo per il rilascio di ostaggi in cambio di detenuti palestinesi

- di: Redazione
 
Israele e Hamas hanno raggiunto un accordo per il rilascio di 50 ostaggi trattenuti a Gaza durante una pausa di quattro giorni nei combattimenti, in cambio della liberazione di 150 palestinesi (donne e minori) attualmente detenuti in carceri israeliane. L'inizio ufficiale della tregua dei combattimenti sarà nelle prossime ore e, se non interverranno problemi, sarà il primo stop alla guerra dall'attacco di Hamas dello scorso 7 ottobre. 
Secondo Hamas, in base all'accordo, entreranno a Gaza centinaia di camion di aiuti umanitari, forniture mediche e carburante. Il governo israeliano, e lo stesso primo ministro Benjamin Netanyahu, ribadiscono comunque che l'interruzione dei combattimenti non è la fine della guerra, ribadendo l'impegno a ''completare l’eliminazione di Hamas''. La soddisfazione degli Stati Uniti, che molto si sono impegnati, insieme al Qatar, pe il raggiungimento dell'accordo, è stata sottolineata dal presidente Joe Biden, che ha detto che esso metterà fine a un ''indicibile calvario'' per alcuni ostaggi e ''allevierà le sofferenze di famiglie palestinesi innocenti''. Biden ha anche ringraziato i leader di Egitto e Qatar per il raggiungimento dell'accordo, di cui ha auspicato che siano attuati tutti gli aspetti.

Medio Oriente: raggiunto accordo per il rilascio di ostaggi in cambio di detenuti palestinesi

Dal 7 ottobre a oggi Israele ha registrato la morte di oltre 1200 persone e la presa di più di 200 ostaggi. Il ministero della Sanità di Gaza, gestito da Hamas, afferma da parte sua che più di 14.000 persone – tra cui più di 5.000 bambini. 
Ieri, Human Rights Watch ha detto che vi erano quasi 7.000 palestinesi detenuti in Israele, tra cui 200 donne e circa 60 bambini. Alcuni dei bambini sono stati detenuti per reati "relativamente minori come il lancio di pietre", ha detto il direttore del programma HRW Sari Bashi, aggiungendo che alcuni di loro sono soggetti alla legge militare, che può vederli "arrestati nel cuore della notte […], interrogati senza la presenza dei loro genitori o di un avvocato, e trattenuti per lunghi periodi di tempo per reati relativamente minori".
In una nota ufficiale, il governo israeliano ha detto che l’incentivo è una pausa più lunga nei combattimenti: ''Il rilascio di ogni 10 ostaggi aggiuntivi comporterà un giorno in più di pausa''. Una clausola che sarà importante per le famiglie degli ostaggi, alcune delle quali si erano opposte ad un accordo parziale, rispetto alla liberazione di tutti i sequestrati. 
"Il governo di Israele, l'IDF e i servizi di sicurezza - è scritto ancora nella nota - continueranno la guerra per riportare a casa tutti gli ostaggi, completare l'eliminazione di Hamas e garantire che non vi siano nuove minacce per lo Stato di Israele da parte di Gaza."
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli