Login

Terrorismo: altri ragazzini accusati di complicità nell'uccisione del docente francese

- di: Redazione
 
Quattro ragazzi (tre dei quali poco più che bambini, di 13 e 14 anni) sono stati incriminati dalla giustizia francese per complicità nell'assassinio del professore Samuel Paty, decapitato il 16 ottobre da un giovane di origine cecena, dopo aver mostrato le controverse caricature di Maometto ai suoi studenti, nel corso di una lezione sulla tolleranza e la libertà d'espressione.
L'assassino del docente, Abdouallakh Anzorov, è stato ucciso dalla polizia subito dopo l'assassinio.

Tre di loro, i più giovani, sono stati incriminati per "complicità in un assassinio terroristico" con il sospetto di essere stati loro ad avere indicato la vittima al terrorista che lo ha affrontato davanti al loro collegio a Conflans-Sainte-Honorine, accoltellandolo a morte e decapitandolo.
La quarta persona, incriminata per "denuncia diffamatoria", è la figlia dell'uomo che, avuta conoscenza della lezione del prof.Paty, ha scatenato contro di lui una violenza campagna mediatica.
L'uomo, indicato genericamente dal forze di polizia come Brahim C., è stato lui stesso perseguito e imprigionato.

I quattro adolescenti sono stati inizialmente posti in custodia di polizia nelle scorse ore su richiesta dei giudici anti-terrorismo del tribunale di Parigi. Successivamente sono stati rilasciati, ma messi controllo giudiziario (una misura di prevenzione prevista dall'ordinamento francese).

Con le nuove quattro, sale a quattordici il numero delle persone inquisite nell'ambito delle indagini sull'uccisione del docente. Due tra le prime persone ad essere perseguite sono stati due studenti, di 14 e 15 anni, accusati di "complicità in omicidio terroristico". Sarebbero stati loro ad indicare l'insegnante all'assassino, per un compenso di 300-350 euro, come rivelato dal procuratore antiterrorismo , Jean-François Ricard.

Con Brahim C. è stato incriminato per complicità anche l'attivista islamista Abdelhakim Sefrioui, accusati di "complicità" . I due uomini avevano accusato l'insegnante di "discriminazione" nei confronti degli studenti musulmani sulla base del racconto della figlia di Brahim C., allieva di Samuel Paty.

La ragazza non era presente alla lezione in cui il docente aveva mostrato le vignette, ma era in aula quando, il giorno prima, il prof.Paty aveva annunciato quale sarebbe stato l'oggetto del corso dell'indomani. Abdouallakh Anzorov era nato a Mosca. Arrivato in Francia nel 2008, all’età di sei anni, aveva usufruito dello status di rifugiato. Non era noto alle forze dell’ordine.
Iscriviti alla Newsletter
 
Le ultime Notizie
Il Magazine
Italia Informa - N°6 novembre-dicembre 2020