La FAO e il Regno Unito lanciano un'azione preventiva per ridurre l'impatto di El Niño sulle comunità a rischio in Somalia

- di: Barbara Leone
 
L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) e l'Ambasciata britannica di Mogadiscio (BEM) hanno lanciato un programma di azione anticipata e preparazione in Somalia in vista di un previsto evento El Niño, il famoso modello climatico che dovrebbe determinare un aumento delle precipitazioni, con le aree fluviali della Somalia particolarmente a rischio di gravi inondazioni. Ora c'è una probabilità superiore al 90% che El Niño continui fino alla fine dell'anno e la FAO stima che 1,2 milioni di persone si trovino in aree ad alto rischio di inondazioni. L'Unità Somalia Water and Land Information Management (SWALIM) della FAO prevede un grande evento alluvionale di portata statisticamente probabile solo una volta ogni 100 anni, e segue un'altra storica inondazione all'inizio di quest'anno che ha causato lo sfollamento di circa 245.000 persone lungo il fiume Shabelle. Un evento di inondazione correlato a El Niño nelle aree fluviali di questa portata potrebbe portare alla perdita di vite umane, sfollamenti di massa, distruzione di proprietà e perdita di mezzi di sussistenza, con conseguente aumento dell'insicurezza alimentare acuta.

La FAO e il Regno Unito insieme per ridurre l'impatto di El Niño in Somalia

Per mitigare gli effetti di un potenziale disastro, la FAO e il BEM hanno lanciato un'azione preventiva e un'iniziativa di preparazione da 3,8 milioni di dollari nelle aree a maggior rischio. Il progetto "Badbaado", che significa "salvare dalla calamità", fa parte del programma multi-donatori El Niño della FAO, che cerca di mitigare, prepararsi e rispondere alla minaccia di gravi inondazioni e disastri umanitari durante la seconda grande stagione delle piogge nel paese. stagione tra ottobre e dicembre di quest'anno.

Abbiamo una finestra molto breve di pochi mesi per prepararci e mitigare i peggiori impatti di El Niño e siamo grati al Regno Unito per aver mobilitato rapidamente il sostegno per questo importante lavoro. Intraprendendo azioni tempestive e ben informate, insieme, possiamo aiutare a proteggere le comunità rurali vulnerabili dai peggiori esiti dei disastri”, ha affermato Etienne Peterschmitt, Rappresentante della FAO in Somalia. “La Somalia sta affrontando un'altra crisi: è stato dichiarato El Niño e quest'anno potrebbe trasformarsi in un'inondazione che capita una volta ogni secolo. Stiamo agendo ora per dare priorità alle risorse - ha affermato Damon Bristow, direttore dello sviluppo per l'ambasciata britannica a Mogadiscio -. Questa iniziativa congiunta con la FAO, conveniente e sostenibile, ci consentirà di salvare vite umane e prevenire danni al bestiame, ai raccolti e alle proprietà che potrebbero rivelarsi estremamente dannosi per i mezzi di sussistenza delle comunità più vulnerabili della Somalia”.

Sotto la guida del Ministero dell'agricoltura e dell'irrigazione e in collaborazione con l'Agenzia per la gestione dei disastri della Somalia, la FAO prevede di chiudere 937 metri di punti di rottura lungo il fiume Shabelle nella città di Beletweyne per rallentare le acque alluvionali, ridurre l'impatto immediato delle inondazioni e consentire tempo per le persone di allontanarsi dalle aree ad alto rischio. Il progetto prevede inoltre di riabilitare un canale principale per reindirizzare le acque alluvionali lontano dalle aree popolate di Beletweyne, oltre a preposizionare 800.000 sacchi di sabbia nelle aree soggette a inondazioni. I sistemi di allerta precoce saranno attivati in collaborazione con il governo e i soccorritori locali lungo i fiumi Shabelle e Juba, con messaggi trasmessi alle comunità attraverso reti radio locali, servizi SMS e canali ufficiali per informare l'azione tempestiva e salvare vite umane. La FAO si coordinerà inoltre con le autorità locali e i gruppi della comunità per sostenere la pianificazione dell'evacuazione. L'azione preventiva consiste negli sforzi intrapresi per ridurre l'impatto di un pericolo previsto prima che si verifichi o prima che si avverta il suo impatto più acuto. Questo investimento fa parte dell'impegno umanitario di 48 milioni di sterline del Regno Unito per la Somalia, annunciato dal ministro Andrew Mitchell all'Horn of Africa Pledge Event nel maggio 2023. Il suddetto piano d'azione anticipatorio è sostenuto dai dati forti e dalla capacità analitica della FAO attraverso l'Unità SWALIM. I dati raccolti tramite telerilevamento, monitoraggio del livello del fiume e modellazione delle inondazioni informeranno i messaggi di allerta precoce e le azioni di preparazione a livello locale. Anche le esperienze della devastante inondazione del fiume Shabelle nel maggio 2023 hanno informato la progettazione di interventi per migliorarne l'efficacia.
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli