Confindustria, Bonomi: "La guerra in Ucraina mette a rischio la ripresa dell'Italia"

- di: Daniele Minuti
 
Gli effetti del conflitto in Ucraina continuano a essere percepiti anche nel resto del mondo, non soltanto a livello politico ma (ovviamente) anche a livello economico. Proprio questo è stato l'argomento principale dell'ultimo intervento di Carlo Bonomi.

Il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, ha parlato degli effetti sull'Italia della guerra in Ucraina

Il Presidente di Confindustria ha infatti parlato durante il programma televisivo "Mezz'ora in Più", condotto da Lucia Annunziata. E con le sue parole ha lanciato un allarme serio per quanto riguarda lo scenario economico dell'Italia.

"Quello che succede in Ucraina" - ha spiegato Bonomi - "mette a rischio la ripresa del nostro paese che era già in fase di rallentamento. Il conflitto ha fortemente accentuato il problema energetico dove si erano manifestati rincari molto importanti durante il 2021, fino ad arrivare al 400%".

Il Presidente di Confindustria ha poi aggiunto: "La nuova situazione creata con il conflitto in Ucraina e il balzo dei prezzi dell'energia impone di riscrivere il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e allungarlo temporalmente oltre che spostare gli obiettivi della transizione ecologica. Inoltre ci sarà bisogno, anche nell'immediato, di arrivare alla sospensione del mercato degli Ets delle quote inquinanti che è diventato un mercato speculativo finanziario, per poi sviluppare una strategia a medio lungo termine sul tema dell'energia".
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli