Trapianti, 'un cuore per tre': impiantato due volte lo stesso organo

- di: AdnKronos
 
'Un cuore per tre': si potrebbe sintetizzare così la notizia che vede protagonisti dei chirurghi americani che hanno eseguito con successo un ri-trapianto di cuore, ovvero l'innesto di un cuore già trapiantato in un paziente, successivamente deceduto, a un secondo malato. L'organo dunque ha così 'battuto' nel corpo di tre persone: quello del donatore iniziale, quello del primo ricevente e quello del secondo. Questo tipo di intervento - eseguito solo 7 volte nella storia - comporta una questione etica in quanto il secondo ricevente beneficia di un 'cuore riciclato' (espressione usata in alcune pubblicazioni mediche), quindi richiede, prima di procedere, di un confronto approfondito e di un convinto consenso da parte del paziente che sarà 'proprietario di seconda mano' dell'organo.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli