Il ministro Lollobrigida presenta Cibus 2024, l'edizione dei record

- di: Redazione
 

Dal 7 al 10 maggio, Parma ospiterà la 22esima edizione di Cibus: la manifestazione di riferimento per il settore agroalimentare italiana si prepara, quest'anno, a battere ogni record, con oltre 3.000 brand e una lista di attese di 600 aziende, con oltre 2.000 top buyer della grande distribuzione nostrana ed estera.
Circa 120.000 metri quadrati di superficie espositiva distribuita su 8 padiglioni delle Fiere di Parma, con cui l'evento ospiterà tutto il meglio dei principali settori dell'agroalimentare made in Italy.

Il ministro Lollobrigida presenta Cibus 2024

A presentare la nuova edizione del Salone internazionale dell'alimentazione è stato stamattina il ministro dell'Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida, in una conferenza stampa nella sede del ministero a Roma, in via XX Settembre, insieme tra gli altri al presidente di Federalimentare, Paolo Mascarino, all'amministratore delegato di Fiere di Parma, Antonio Cellie e al presidente di Ice, Matteo Zoppas.

"Il made in Italy è l'insieme delle migliori qualità che possiamo offrire" - ha spiegato il ministro - "Dobbiamo raccontare al resto del mondo l'eccellenza del sistema agroalimentare italiano facendo conoscere sempre di più i nostri prodotti. L'export rappresenta un asset primario per l'economia della nazione, per questo è fondamentale creare occasioni, in cui incontrarsi e discutere dei nuovi scenari e delle nuove strategie per il settore. Cibus, che ho avuto modo di presentare a inizio marzo in Giappone insieme al presidente dell'Agenzia Ice, Matteo Zoppas e all'ambasciatore Gianluigi Benedetti, rappresenta senz'altro un momento per affermare il nostro modello alimentare come riferimento globale".

L'amministratore delegato di Fiere di Parma, Antonio Cellie, ha sottolineato: "Il futuro del made in Italy alimentare dipenderà dalla sua capacità di continuare ad innovare e investire restando fedele a tradizioni e territori. Dall'osservatorio privilegiato di Cibus siamo molto fiduciosi rispetto alla consistenza delle nostre imprese e dei nostri prodotti. Negli ultimi anni abbiamo ulteriormente incrementato il value for money della nostra offerta che diventa sempre più interessante per le principali geografie del nostro export a tutto vantaggio della bilancia commerciale e delle varie filiere".

Cibus ha promosso e realizzato un Osservatorio sul settore food, che Fiere di Parma svilupperà in collaborazione con il CERSI, Centro di Ricerca per lo Sviluppo Imprenditoriale dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Un monitor per offrire a imprenditori, manager e policy-makers un quadro costantemente aggiornato sull'andamento internazionale del settore food, fornendo indicazioni utili ai fini della ricerca di opportunità di sviluppo commerciale nei mercati esteri attraverso una metodologia comparata e costantemente aggiornata.
Già in occasione del salone verrà presentato in anteprima un primo nucleo di dati della ricerca volta ad analizzare i trend della competitività delle principali regioni del mondo (Europa, America, Asia).

Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli