Liliana Segre: "Ho l'incubo che l'Olocausto sia cancellato dai libri di scuola"

- di: Redazione
 
Liliana Segre ha un suo ''incubo personale'', che l'Olocausto scompaia del tutto dai libri di storia. La senatrice, sopravvissuta al campo di sterminio di Auschwitz, in un'intervista al quotidiano britannico The Guardian, ha detto: "Che l'Olocausto possa finire per trasformarsi in una sola riga nei libri di storia è il mio incubo personale. Non è pessimismo, ma il frutto dell'osservazione. Guardo certi fatti con lo spirito dello scienziato: l'esperimento è tatuato sulla mia pelle. Qualcosa è andato storto e resta ancora molto da fare”.

Liliana Segre: "Ho l'incubo che l'Olocausto sia cancellato dai libri di scuola"

Liliana Segre, che ha 92 anni, è stata l'unica della sua famiglia a sopravvivere all'Olocausto. Nata a Milano, fu espulsa dalla scuola nel 1938 dopo che Benito Mussolini promulgò leggi razziali. Aveva 13 anni quando, il 30 gennaio 1944, fu arrestata dalla polizia fascista e deportata, insieme ad altri familiari, ad Auschwitz. All'arrivo nel campo di sterminio fu separata da suo padre, ucciso il giorno dopo. Segre ha vissuto con i nonni materni nelle Marche dopo essere tornata in Italia . Ha reso pubblica la sua esperienza ad Auschwitz solo negli anni '90 e da allora ha dedicato gran parte del suo tempo a visitare scuole e università per insegnare agli studenti l'Olocausto.
"Noi sopravvissuti... abbiamo il dovere di testimoniare", ha detto. "Storia e memoria vanno di pari passo e sono patrimonio comune dell'umanità. Se la memoria evapora come la nebbia, il mondo sarà condannato, come il girone dantesco, a perpetuare l'orrore".
Le minacce contro di lei si sono intensificate dopo che è stata nominata presidente di una commissione parlamentare, formata più tardi nel 2019, per combattere il razzismo, l'antisemitismo e l'incitamento all'odio.

Segre ha recentemente ricevuto minacce di morte da anti-vaxxer a causa del suo sostegno al vaccino Covid-19. È la persona più anziana d'Europa ad avere una scorta di polizia.

"Vivere sotto scorta della polizia all'età di 92 anni è incredibile",
ha detto Segre. “Sono stato sottoposta ad attacchi razzisti, cose incredibili. Non è mai faccia a faccia; tutto è consumato e amplificato online – un luogo chiuso dove gli odiatori da tastiera scatenano il peggio degli istinti umani con autentica brutalità, con i volti coperti e le identità camuffate da vezzeggiativi. Temo che non esistano cure efficaci per il razzismo e l'intolleranza. Devono essere combattuti. È una guerra, come diceva sempre Primo Levi".
Notizie della stesso argomento
Trovati 18 record
Pagina
1
12/06/2024
Parco archeologico del Colosseo: inaugurata una nuova Casa dell'Acqua del Gruppo ACEA
12/06/2024
Inclusione sociale e digitale in Italia: Crédit Agricole e Save the Children a fianco dei ...
12/06/2024
Haiki+ inaugura un nuovo impianto di gestione rifiuti industriali a Lazzate con un investi...
12/06/2024
Apple ci "regala" l'AI, ma che prezzo siamo disposti a pagare in termini di privacy?
11/06/2024
Vacanze, analisi Coldiretti/Ixé: 7 milioni di italiani scelgono giugno
Trovati 18 record
Pagina
1
Il Magazine
Italia Informa n° 2 - Marzo/Aprile 2024
Newsletter
 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Rimani aggiornato su novità
eventi e notizie dal mondo
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli