Borse: i mercati asiatici reagiscono negativamente alle notizie dalla Polonia

- di: Redazione
 
Le azioni asiatiche hanno chiuso le contrattazioni odierne per lo più in ribasso mercoledì per il nervosismo sui mercati determinato dalle notizie giunte dalla Polonia, dove un missile di fabbricazione russa, caduto vicino ad un villaggio, ha provocato la morte di due persone. I principali indici di Tokyo, Sydney, Seul e Hong Kong hanno chiuso le sedute in territorio negativo, mentre mentre le azioni sono rimaste quasi invariate a Shanghai.

Borse: i mercati asiatici reagiscono negativamente alle notizie dalla Polonia

Il benchmark giapponese Nikkei 225 ha perso lo 0,2% nelle negoziazioni mattutine a 27.924,63. Lo S &P/ASX 200 australiano è sceso dello 0,3% a 7.121,60. Il Kospi della Corea del Sud ha perso lo 0,3% a 2.472,97. L'Hang Seng di Hong Kong è sceso di quasi lo 0,2% a 18.308,00, mentre lo Shanghai Composite ha subito poche variazioni, guadagnando meno dello 0,1% a 3.135,88. A Wall Street, le azioni hanno chiuso in rialzo a seguito di ulteriori segnali che l'inflazione estremamente elevata negli Stati Uniti potrebbe diminuire più rapidamente del previsto.

L'S&P 500 è salito dello 0,9%, o 34,48 punti, a 3.991,73. Il Dow Jones Industrial Average è passato da un guadagno a una perdita, prima di chiudere a 33.592,92, in rialzo di 56,22 punti, o dello 0,2%. Il composito Nasdaq ha guidato il mercato con un guadagno dell'1,4%, o 162,19 punti, per chiudere a 11.358,41. L'S & P 500 ha toccato il livello più alto in due mesi, mentre i rendimenti dei Treasury sono scesi nella speranza che un rallentamento dell'inflazione possa significare che anche la medicina amara della Federal Reserve potrebbe diminuire.

I titoli tecnologici hanno continuato a fare da apripista a Wall Street (il produttore di chip Nvidia è salito del 2,3% e Apple ha guadagnato l'1,2%). I prezzi del greggio sono scesi dopo il balzo del giorno prima. Un peggioramento della guerra in Ucraina potrebbe causare picchi nei prezzi di petrolio, gas e altri prodotti che la regione produce.
Nel commercio di energia, il greggio USA di riferimento è sceso di 29 centesimi a 86,63 dollari al barile. Il greggio Brent, lo standard internazionale, è sceso di 28 centesimi a 93,58 dollari al barile.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli