Borsa: domina l'incertezza sui mercati asiatici

- di: Redazione
 
Giornata incerta sui mercati asiatici, per lo più in ribasso, condizionati dalle incertezze sui prezzi del petrolio e sull'inflazione. Il benchmark giapponese Nikkei 225 ha invertito le prime perdite e ha aggiunto lo 0,8% nel trading mattutino a 27.013,98. L'S &P/ASX 200 australiano è scivolato dello 0,2% a 6.675,50. Il Kospi della Corea del Sud è sceso dello 0,2% a 2.369,68. L'Hang Seng di Hong Kong è sceso dello 0,7% a 20.702,53, mentre lo Shanghai Composite è sceso dello 0,3% a 3.268,52.

Grande incertezza in Borsa per i mercati asiatici

L'S&P 500 è sceso dello 0,8% a 3.830,85. I guadagni dei produttori di energia, dei grandi rivenditori e di altre società che fanno affidamento sulla spesa dei consumatori sono stati controbilanciati da un calo dei titoli sanitari e tecnologici. Il Dow è scivolato dello 0,7% a 31.072,61 e il Nasdaq ha ceduto lo 0,8% a 11.360,05. L'indice Russell 2000 delle società più piccole è sceso dello 0,3% a 1.738,42.

Il mercato statunitense ha vissuto per lo più al ribasso per settimane a causa delle preoccupazioni che la Federal Reserve e altre banche centrali possano rendere ancora più dure le misure per ridurre l'inflazione elevata. Il timore è che troppo aggressivi aumenti dei tassi di interesse potrebbero causare una recessione.
Entro questa settimana gli investitori si aspettano che giovedì la Banca centrale europea alzerà i tassi di interesse per la prima volta in 11 anni per combattere l'inflazione. Un aumento che viene ipotizzato al massimo di 0,25 punti percentuali.

Sul mercato obbligazionario, il rendimento del Treasury decennale è salito al 2,98% dal 2,96% di venerdì scorso. Il rendimento a due anni, salito al 3,17%, è ancora al di sopra del rendimento a 10 anni. Alcuni investitori lo vedono come un segnale inquietante che potrebbe presagire una recessione in un anno o due.
Nel trading energetico, il greggio statunitense di riferimento è sceso di 22 centesimi a 102,38 dollari al barile. Lunedì è aumentato del 5,1%. Il greggio Brent, lo standard internazionale, ha perso 39 cent a 105,88 dollari al barile.
Il Magazine
Italia Informa n° 4 - Luglio/Agosto 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli