Borse: bene i mercati asiatici, con Tokyo che ha guadagnato l'1,7%

- di: Redazione
 
Tutti i mercati asiatici hanno messo a segno, oggi, delle buone performance, dopo la contrastata giornata di ieri a Wall Street causata da contrastanti sull'economia statunitense.
A tirare il gruppo delle borse dell'area Asia-Pacifico è stata Tokyo, dove il Nikkey 225 ha guadagnato l'1,7%, a 55.559,26. L'Hang Seng di Hong Kong ha guadagnato lo 0,5% a 16.413,96 mentre lo Shanghai Composite è salito dello 0,1% a 2.968,75. Il Kospi di Seul ha chiuso con un + 0,6% a 2.509,04. In Australia , l'indice S & P/ASX 200 è salito dell'1,5% a 7.166,10. Il Sensex indiano ha guadagnato lo 0,6% e il SET di Bangkok è avanzato dello 0,9%.

Borse: bene i mercati asiatici, con Tokyo che ha guadagnato l'1,7%

Ieri l’indice S & P 500 è sceso dello 0,1%, a 4.567,18, registrando la prima perdita consecutiva da ottobre. Il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,2%, a 36.124,56, e il Nasdaq composite è salito dello 0,3%, a 14.229,91.
I titoli azionari statunitensi e i rendimenti dei titoli del Tesoro hanno risentito dei rapporti hanno mostrato che i datori di lavoro hanno pubblicizzato molte meno opportunità di lavoro del previsto alla fine di ottobre, mentre la crescita per le imprese di servizi ha accelerato più del previsto lo scorso mese.

Questa situazione ha alimentato i dubbi sulla capacità dell’economia americana di sconfiggere l'inflazione ed evitare una recessione.
Il rapporto di ieri ha mostrato che i datori di lavoro hanno pubblicizzato solo 8,7 milioni di posti di lavoro l’ultimo giorno di ottobre, in calo di 617.000 unità rispetto al mese precedente e il livello più basso dal 2021.
Un rapporto separato afferma che l’attività delle industrie dei servizi statunitensi è aumentata per la 41esima volta negli ultimi 42 mesi, con una crescita segnalata da tutto, dall’agricoltura al commercio all’ingrosso. La forza ha compensato la debolezza del settore manifatturiero.
Il petrolio greggio di riferimento statunitense ha aggiunto 7 centesimi a 72,39 dollari al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Il greggio Brent, lo standard internazionale, è aumentato di 9 centesimi a 77,29 dollari al barile.
Il Magazine
Italia Informa n°6 - Novembre/Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli