Air Bnb, Italia paradiso dei nomadi digitali: due nuovi hub in Friuli Venezia Giulia e Puglia

- di: Barbara Bizzarri
 
Nell’ambito del programma  Live and Work Anywhere, lanciato da Air Bnb lo scorso aprile con l’intento di individuare le destinazioni più adatte e collaborare con enti locali e aziende di promozione turistica per attrezzare e promuovere questi territori come dei veri e propri “hub” per nomadi digitali, sono state inserite due destinazioni italiane digital nomad friendly: Friuli Venezia Giulia, regione di frontiera dai mille volti e Brindisi, la porta del Salento, e la sua provincia. 

Un’opportunità unica per l’Italia, dato che la piattaforma già nei primi tre mesi dell’anno ha visto aumentare le ricerche di viaggi in solitaria e a lungo termine nel nostro Paese del 90% rispetto allo stesso periodo pre-pandemia. Le mete selezionate sono state scelte per la loro attrattività o perché al passo con i cambiamenti normativi o amministrativi necessari ad accogliere chi sceglie di vivere e lavorare da remoto in una zona diversa da quella di residenza. 

“Siamo lieti che all’interno delle destinazioni globali che abbiamo scelto di promuovere ce ne siano ben due italiane. Voglio ringraziare il Ministero per lo Sviluppo Economico e Invitalia per il supporto e per aver facilitato il contatto con le Regioni nel presentare il nostro progetto”, ha spiegato Giacomo Trovato, Country Manager di Airbnb Italia. Nei prossimi mesi dell’anno Airbnb lavorerà con ognuna delle destinazioni alla creazione di hub personalizzati, dando visibilità alle migliori soluzioni di alloggio a lungo termine presenti in loco, oltre a indicare le informazioni necessarie riguardo il soggiorno in Italia. 

La piattaforma, inoltre, collaborerà con gli enti locali per organizzare iniziative dedicate all’ospitalità responsabile e a come viaggiare da remote worker. Gli hub verranno lanciati nel corso dell’anno. Recentemente, è stato approvato con il Decreto Sostegni-ter un emendamento che introduce nel nostro ordinamento la figura del   Nomade Digitale per raccogliere la sfida di città e Paesi ad attirare i lavoratori a distanza nei periodi di bassa stagione, con l’obiettivo di arrivare a una ridistribuzione dei luoghi in cui le persone viaggiano e vivono. “Si tratta di un’ottima norma, che abbiamo accolto favorevolmente. Tuttavia, i decreti attuativi tardano ad arrivare: auspico che possano essere realizzati velocemente per ridurre il divario con altre destinazioni europee che si sono mosse prima di noi”, ha aggiunto Trovato.

Con questa iniziativa, Airbnb vuole contribuire alla crescita economica delle aree individuate: una ricerca condotta dalla Business School di Harvard mostra che, se da un lato i nomadi digitali e in generale coloro che lavorano a distanza possono rappresentare un beneficio per qualsiasi economia, questi potrebbero però svolgere un ruolo chiave nel favorire l’imprenditorialità nelle comunità in cui andrebbero a risiedere, creando cluster tecnologici in tutto il mondo. Il programma mira inoltre a stimolare la riqualificazione del patrimonio immobiliare locale e la spesa in servizi quali trasporto, cultura, sport, sanità, ristorazione e infrastrutture di telecomunicazione. 

“In un momento di grandi rivoluzioni e cambi di rotta, le destinazioni emergenti si riposizionano in nuove geografie del turismo, del lavoro e della vita. La sensibilità di Airbnb rappresenta per Brindisi una grande opportunità per proseguire con più forza ed entusiasmo nella co-creazione di una meta ideale per nomadi digitali ed esploratori di nuovi equilibri tra vita e lavoro. La rilevanza del brand ci permette inoltre di promuovere una destinazione e al contempo una filosofia di nuova vita e nuovo lavoro al Sud: vista mare, illuminati dalla luce meravigliosa tipica della Puglia, accolti da una comunità locale appassionata e in fermento, con cui vivere il cambiamento in atto ispirati dalla possibilità di esserne protagonisti” ha dichiarato Emma Taveri, Assessore al Turismo, Marketing Territoriale e Creatività del Comune di Brindisi. Milioni di persone vivono e lavorano in modo più flessibile. Per questo si trovano in migliaia di città e Paesi, dove rimangono per settimane, mesi o anche per intere stagioni. Nel 2021, un ospite su cinque ha utilizzato Airbnb per lavorare da remoto durante i suoi viaggi, un trend che è continuato nel primo trimestre del 2022, con i soggiorni a lungo termine che hanno raggiunto il proprio massimo storico, raddoppiando rispetto allo stesso periodo nel 2019.

“Il Friuli Venezia Giulia è un territorio aperto ad ogni forma di innovazione dell’organizzazione e delle modalità di lavoro, che pone particolare attenzione alla qualità della vita, alla conciliazione vita-lavoro e all’impatto sociale delle attività di impresa sul territorio e nelle comunità. Proprio per questo ad ottobre organizzeremo il primo forum delle società benefit. Ci fa enorme piacere essere stati selezionati tra le destinazioni mondiali più desiderabili per i lavoratori da remoto e avere l’occasione di collaborare con un partner prestigioso come Airbnb. In questa legislatura abbiamo posto grande attenzione allo sviluppo del turismo, al tema dell’attrazione investimenti e dei talenti e siamo pronti a cogliere le opportunità globali grazie agli investimenti significativi fatti in questi anni per rendere il Friuli Venezia Giulia una destinazione attrattiva per i viaggiatori, siano essi turisti o cosiddetti nomadi digitali”, hanno dichiarato Alessia Rosolen e Sergio Emidio Bini, rispettivamente Assessore regionale al Lavoro, Formazione, Istruzione, Ricerca, Università e Famiglia e Assessore alle Attività Produttive e Turismo della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, artefici della candidatura regionale tramite le Direzioni e le Agenzie Lavoro & SviluppoImpresa e Promoturismo FVG.
Il Magazine
Italia Informa n° 4 - Luglio/Agosto 2022
Iscriviti alla Newsletter
 
Tutti gli Articoli
Cerca gli articoli nel sito:
 
 
Vedi tutti gli articoli